Acea, nominato il nuovo cda. Ridotti i costi del 70%. Catia Tomasetti eletta presidente

Roma volta pagina. Nella seduta odierna l’assemblea dei soci ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione di ACEA. Molte le novità introdotte. E’ stato innanzitutto deciso una riduzione del cda da 9 a 7 membri. L’assemblea, inoltre, raccogliendo le indicazioni del socio di maggioranza, ossia Roma Capitale  che detiene il 51% delle azioni, ha dato il via libera a una riduzione complessiva dei compensi del Cda i cui costi sono così ridotti del 70%. Novità significative anche sulla composizione del nuovo consiglio di amministrazione che, da oggi, sarà a maggioranza femminile (4 donne e 3 uomini). Il Presidente eletto oggi è Catia Tomasetti. Da quasi 20 anni si occupa di operazioni di finanza di progetto, finanza pubblica e ristrutturazioni di società pubbliche. Dal 2012 è iscritta all’Albo degli avvocati cassazionisti. E’ riconosciuta, nelle più prestigiose guide legali internazionali, quali Chambers, Legal500 e IFLR, come una dei maggiori esperti nei settori della finanza di progetto, dell’energia e delle ristrutturazioni. Oltre a Catia Tomasetti fanno partedel Cda Alberto Irace, Elisabetta Maggini, Paola Profeta, Francesco Caltagirone, Giovanni Giani e Diane D’Arras.

“Acea appartiene per il 51% alle romane e ai romani e oggi sono  orgogliosissimo di rappresentarli e sono ancora più orgoglioso del fatto che insieme a me hanno votato sulla nuova visione aziendale, con compensi drasticamente ridotti, la maggior parte dei piccoli azionisti. E’ questo un segnale importante di cambiamento nel solco dell’efficienza, del merito e del contenimento dei costi”, ha dichiarato il Sindaco di Roma Ignazio Marino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Acea, nominato il nuovo cda. Ridotti i costi del 70%. Catia Tomasetti eletta presidente Acea, nominato il nuovo cda. Ridotti i costi del 70%. Catia Tomasetti eletta presidente ultima modifica: 2014-06-06T03:03:57+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento