Martedì arrivo a Venezia della maratoneta malese Suwaibah Mohd Nasir

Martedì 3 giugno, alle ore 15, la maratoneta malese (in solitaria), Suwaibah Mohd Nasir, a conclusione del suo percorso inverso a quello di Marco Polo, sulla via della Seta, arriverà a Venezia (Riva degli Schiavoni), tappa finale dell’impresa. Ad accoglierla, a nome dell’Amministrazione comunale, l’assessore Carla Rey, assieme alla consorte del primo ministro della Malesia, Datin Paduka Seri Rosmah Mansor

Suwaibah Mohd Nasir ha lasciato il paese il 29 marzo 2014 e ha iniziato a correre il 30 marzo 2014 da Pechino in Cina, prima tappa su un totale di 67. Ha percorso in media 50km al giorno (25km al mattino e 25 al pomeriggio) attraverso il Kazakistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Iran, Turchia, Bulgaria, Serbia, Croazia, Slovenia e oggi, 3 giugno 2014, dopo 65 giorni di maratona e percorrendo un totale di 3.333km, raggiunge la sua ultima tappa: Venezia, superando molti ostacoli e situazioni pericolose, fiumi in piena, passi bloccati dalla neve e distese desertiche che sembravano non finire mai.

L’iniziativa – scrive una nota dell’organizzazione – rappresenta un’opportunità storica per portare un messaggio di amore, pace, solidarietà e la gioia di vivere con il motto “1 World 1 Hope: un Mondo una Speranza”, messaggio da condividere a livello internazionale.

Suwaibah Mohd Nasir, è entrata nel Guinness dei Primati e nel libro dei record della Malaysia come prima donna a correre in solitaria lungo la Via della Seta. E’ stata seguita da una squadra di supporto di 10 persone tra cui un medico, uno scrittore e una troupe della stazione televisiva ufficiale islamica malese ‘Al Hijrah’.

All’arrivo a Venezia, Subaiwah, sarà accompagnata lungo la Riva degli Schiavoni da atleti della Venice Marathon.

9 su 10 da parte di 34 recensori Martedì arrivo a Venezia della maratoneta malese Suwaibah Mohd Nasir Martedì arrivo a Venezia della maratoneta malese Suwaibah Mohd Nasir ultima modifica: 2014-06-02T10:21:37+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento