Forza Italia ha le casse vuote servono almeno 30 milioni

Forza Italia tra la gente“La questione dei figli è chiusa”. Così il leader azzurro precisando che è e rimane alla guida del partito. Silvio Berlusconi detta la linea. “Dobbiamo fare una coalizione ma non subito e non con tutti. Con la Lega sì. Domani farò una conferenza stampa alla Camera con Salvini per annunciare la firma sui loro referendum”. Nessun accenno, invece, all’ipotesi di Salvini a capo della coalizione,come accennato dal forzista Galan.

La macchina azzurra è in “affanno”. “Siamo con l’acqua alla gola, servono soldi”, parlando della situazione economica del partito. Secondo Denis Verdini, per ridare vigore a Forza Italia, servirebbero almeno 30 milioni.

Tornando al dato elettorale per Berlusconi è derivato dalla “mancata partecipazione alla campagna elettorale. Tra i motivi del risultato non esaltante degli azzurri, per Berlusconi, anche gli attacchi subiti da Ncd e i casi giudiziari che hanno coinvolto ex esponenti del partito, come quello dell’ex ministro Scajola, la condanna definitiva e l’estradizione di Dell’Utri e la vicenda Expo”. Ma Berlusconi rilancia.  “Continuerò a fare interviste settimanalmente. Due alle reti nazionali e sei a quelle locali. Anche i parlamentari devono tenere i contatti con le tv locali”.

“Dobbiamo credere e unire liberali e moderati”, ha sottolineato Berlusconi. “Il Pd ha vinto con meno di un quarto dei voti degli elettori italiani. Veltroni prese un milione di voti in più e fu sconfitto per cui abbiamo un margine di recupero amplissimo”. Poi un suo vecchio cavallo di battaglia. “C’è un problema di giustizialismo. Tra le grandi battaglie da fare c’è quella sulla riforma della giustizia”. E poi, sul Movimento 5 Stelle. “Se siete d’accordo non rispondiamo più alle provocazioni. Ignoriamoli”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Forza Italia ha le casse vuote servono almeno 30 milioni Forza Italia ha le casse vuote servono almeno 30 milioni ultima modifica: 2014-05-28T17:49:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento