Campidoglio, concluso il progetto Porte Aperte attestati per 1.500 alunni

MarinoPorteAperteSi è svolta all’Auditorium Parco della Musica la cerimonia di conclusione del progetto “Porte Aperte in Campidoglio”, programma didattico partito a dicembre del 2013 per festeggiare gli 870 anni di vita del libero Comune di Roma attraverso una visita guidata e l’incontro delle scolaresche con gli amministratori capitolini.

Il sindaco Ignazio Marino, insieme all’assessora alla Scuola Alessandra Cattoi e all’assessora alla Cultura Flavia Barca, hanno accolto nella sala Petrassi le ragazze e i ragazzi che hanno preso parte al progetto –  circa 1.500 alunne e alunni di 40 scuole elementari e medie di Roma –  consegnando loro un attestato di partecipazione.

I giovani visitatori, nel loro itinerario tra le stanze ricche di storia del Palazzo Senatorio, si sono fatti un’idea di come funziona l’amministrazione, vedendo con i loro occhi tante persone impegnate nel proprio lavoro quotidiano.

Alla fine del percorso si sono seduti nella sala dell’Assemblea Capitolina, sugli scranni normalmente occupati dai consiglieri, dal Sindaco, dai componenti della Giunta e hanno illustrato proposte e richieste discusse in classe tra di loro. I temi posti all’attenzione degli amministratori sono stati quelli che interessano tutti i cittadini: ambiente, mobilità e decoro visti dalla prospettiva di giovani menti ricche di speranza per un futuro migliore.

Per il loro quartiere le cittadine e i cittadini di domani chiedono più pulizia e meno rifiuti in strada, più biciclette e meno automobili, tram che inquinano meno degli autobus, più verde e meno cemento.

Agli incontri, come  comunica in una nota il Campidoglio, hanno partecipato a turno il Sindaco e tutti gli assessori di Roma Capitale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Campidoglio, concluso il progetto Porte Aperte attestati per 1.500 alunni Campidoglio, concluso il progetto Porte Aperte attestati per 1.500 alunni ultima modifica: 2014-05-23T20:48:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento