Agricoltura, procedure semplificate per carburante agevolato

Le aziende agricole cosiddette “cavaliere”, ossia quelle che possiedono i terreni sia in Basilicata sia in Puglia, potranno presentare un’unica richiesta per l’assegnazione del carburante agevolato per le lavorazioni da eseguire nei terreni ubicati in entrambe le regioni e conseguire un unico libretto di controllo.

Lo ha stabilito la Giunta regionale di Basilicata che ha deliberato, nel corso dell’ultima riunione, l’approvazione di uno schema di convenzione predisposto dall’Ufficio Sostegno alle imprese agricole del Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata e l’Ufficio omologo della Regione Puglia.

L’accordo, che interviene per definire una questione posta da tempo dagli imprenditori agricoli, è finalizzato a realizzare una procedura unica e semplificativa secondo quanto previsto dal comma 10 dell’articolo 2 Decreto ministeriale 454/2001. Nel Decreto, infatti, è riportato che per la conduzione dei terreni, ubicati in province che appartengono a diverse regioni l’azienda può presentare istanza unica agli Uffici regionali o provinciali ricadenti nel territorio in cui le stesse sono iscritte nel registro delle imprese della Camera di Commercio e dove abbiano costituito il proprio fascicolo aziendale.

Sulla scorta di quanto previsto nel provvedimento gli Uffici competenti delle due Regioni hanno definito una soluzione amministrativa che consentirà alle aziende interessate di ottenere il carburante agevolato svolgendo un solo procedimento amministrativo, sostituendo e snellendo la procedura burocratica precedente.

Altra semplificazione è quella che consentirà ai dirigenti degli Uffici competenti di intervenire per le successive modifiche che si rendessero necessarie. Nella convenzione vengono, inoltre, stabilite le attività che saranno eseguite dagli Uffici omologhi delle due Regioni. Infine, nella delibera la Giunta regionale ha autorizzato il dirigente generale del Dipartimento Politiche agricole a sottoscrivere la convenzione con la Regione Puglia.

Lascia un commento