Piccoli ospedali, la Toscana ha già fatto la sua riorganizzazione

Piccoli ospedali, in Toscana non chiuderanno. La rete dei piccoli ospedali, e la loro riorganizzazione, sancita dai patti territoriali siglati nel 2013, e realizzata o in corso di realizzazione, pone le nostre strutture già in linea con i contenuti del Patto per la salute attualmente in discussione tra Regioni e Ministero.

In Toscana, il regolamento di riorganizzazione proposto dal Ministero della salute, qualora confermato, non si tradurrà nella chiusura di alcune strutture ospedaliere, in quanto la Regione, con vari atti, a partire dalla delibera 1235 del dicembre 2012, ha emanato disposizioni per individuare le caratteristiche delle tipologie di ospedale a cui le strutture ospedaliere dovranno aggiornare la propria organizzazione, per assicurare la presa in carico delle persone assistite, secondo livelli di gravità e di bisogno differenziati.

Tutto questo è contenuto nei Patti territoriali e nel Piano Sanitario in discussione in Consiglio Regionale. L’attenzione verso le comunità di riferimento – sottolinea l’assessore al diritto alla salute – è dimostrata dalla sottoscrizione a livello locale dei Patti territoriali, che nei mesi passati ha impegnato l’assessorato, l’Uncem, gli enti locali. In coerenza con gli atti regionali, i Patti territoriali garantiscono lo sviluppo dei piccoli ospedali, che con pari dignità andaranno a costituire parti essenziali, strutturalmente e professionalmente integrate nella più vasta rete regionale degli ospedali toscani. Il protocollo d’intesa tra Regione e Comuni toscani, in cui è presente l’ospedale di prossimità, ha costituito la base per le sottoscrizioni dei Patti territoriali. E sono già stati siglati, o sono in fase di sottoscrizione, gli accordi per rivedere funzioni e compiti degli ospedali di piccole dimensioni all’interno della rete ospedaliera toscana.

9 su 10 da parte di 34 recensori Piccoli ospedali, la Toscana ha già fatto la sua riorganizzazione Piccoli ospedali, la Toscana ha già fatto la sua riorganizzazione ultima modifica: 2014-05-20T02:51:46+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento