Napoli, realizzazione di un villaggio Rom nell’area Cupa Perillo

Il Consiglio ha proseguito i suoi lavori con la relazione degli assessori al Welfare, Gaeta, all’Urbanistica, Piscopo, e al Patrimonio, Fucito, sulla delibera 159 del 14.3.2014 di approvazione del progetto preliminare relativo alla realizzazione di un villaggio Rom nell’area della Municipalità di Scampia, località Cupa Perillo, dando atto che ciò costituisce adozione della variante allo strumento urbanistico generale.
L’assessora Gaeta ha preliminarmente spiegato come nell’area oggetto dell’intervento sia già presente un vasto insediamento spontaneo di Rom e come si tratti di un primo passo di una più ampia strategia che l’Amministrazione sta mettendo in campo con altre istituzioni, unitamente ad associazioni territoriali e alla comunità Rom, che punta, utilizzando fondi europei, più in generale a realizzare politiche di inclusione. L’assessore all’Urbanistica Piscopo ha spiegato che lo strumento messo in campo, la variante semplificata, ha come presupposto la fine del commissariamento sull’emergenza Rom e recupera alcuni principi del Piano Regolatore Generale, realizzando moduli/alloggi temporanei (non di housing sociale) e servizi socio-assistenziali, garantendo nel contempo la liberazione dello svincolo dell’Asse mediano ora occupato dall’insediamento dei Rom. L’intervento, ha concluso, utilizza fondi europei la cui spesa dovrà essere rendicontata entro la fine del 2015. L’assessore Fucito ha infine sottolineato il carattere di sperimentazione che avrà l’intervento edilizio che sarà di carattere pubblico.
Nel dibattito che è seguito sono intervenuti i consiglieri Iannello, Fellico (che ha preannunciato una mozione di accompagnamento alla delibera), Varriale, Guangi, Castiello, Pace, Vernetti, Coccia, Molisso, Antonio Borriello, Attanasio, Beatrice, Ciro Borriello, Russo.
Il Consiglio ha quindi preso in esame la mozione di accompagnamento alla delibera presentata dal gruppo di Federazione della Sinistra Laboratorio per l’alternativa che ha fatto propria la mozione approvata all’unanimità dal Consiglio dell’Ottava Municipalità. Sulla stessa, il Vice Sindaco Sodano è intervenuto spiegando di condividere gli impegni richiesti nella mozione, ma non le premesse della stessa, proponendo una serie di modifiche. Sono quindi intervenuti i consiglieri Iannello, Fellico, Antonio Borriello, Castiello, Guangi, Vernetti, Pace, Castiello, Guangi e quindi la mozione, accolte alcune delle modifiche proposte, sia nelle premesse che nella parte dispositiva, è stata approvata all’unanimità.
Il Consiglio è quindi passato all’esame degli emendamenti: ritirato il primo e approvato all’unanimità il secondo (entrambi proposti dal consigliere Russo), la delibera è stata approvata all’unanimità.
Il consigliere Attanasio ha a questo punto proposto la sospensione della seduta per consentire una trattazione approfondita dei temi da trattare, mentre il consigliere Grimaldi ha proposto di trattare le altre delibere all’ordine dei lavori in una prossima seduta del Consiglio, ed il consigliere Formisano ha proposto invece di proseguire i lavori. La proposta di Attanasio è stata quindi votata e respinta a maggioranza ed il Consiglio ha proseguito i propri lavori. Il consigliere Attanasio ha chiesto la verifica del numero legale, accertato in 25 presenti.
Siccome la delibera che seguiva subito dopo nell’ordine è stata ritirata (Modifica del Regolamento di Occupazione di Suolo Pubblico), il Consiglio è passato all’esame della delibera riguardante la deroga dal rispetto della fascia cimiteriale in via Pia angolo via dell’Epomeo, ai fini della fattibilità urbanistica del progetto di una attrezzatura destinata a palestra ad uso pubblico per l’esercizio della scherma e della praticabilità del relativo schema di convenzione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, realizzazione di un villaggio Rom nell’area Cupa Perillo Napoli, realizzazione di un villaggio Rom nell’area Cupa Perillo ultima modifica: 2014-05-17T04:46:39+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento