Aosta, consegnati gli attestati a 43 nuovi giovani agricoltori

Nella mattinata di ieri, giovedì 15 maggio, presso l’Institut Agricole Régional, sono stati consegnati gli attestati ai 43 allievi che hanno portato a termine con esito positivo il corso Imprenditori Agricoli Valdostani – edizione 2013.

Il percorso formativo, promosso dall’Assessorato dell’agricoltura e risorse naturali, è stato organizzato dall’Institut Agricole Régional e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo. L’iniziativa ha lo scopo di far acquisire le competenze necessarie all’esercizio dell’attività di imprenditore agricolo stabilite nel Sistema di competenze e nello Standard formativo. Il corso, articolato in 148 ore di formazione d’aula, si è svolto nel periodo novembre 2013-marzo 2014 ed è valido ai fini dell’acquisizione delle competenze professionali previste dalla misura 112 Insediamento dei giovani agricoltori del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013.

Hanno ricevuto l’attestato di frequenza con profitto: Henri Anselmet; Romina Berger; Joël Berthod; Elena Bigoni; Laurent Bollon; Nancy Borettaz; Elisabetta Bottinelli; Edoardo Braga; Maria Concetta Cacciatore; Gianna Cerchiaro; Marina Ceriano; Daniel Challancin; Piera Challancin; Carole Chesaux; Monique Curtaz; Diletta Dalla Ca’; Monia Davisod; Katia Dujany; Palma Faggiano; Stefania Galimberti; Louis Gaspard; Neal Gerbelle; Thierry Gerbore; Alessandro Grappein; Alex Letey; Miriam Judith Lowery; Robert Marietty; Laura Maria Maschi; Marta Mazza; Monica Moro; Alessio Nicoletta; Didier Pariset; Sara Paulon; Jean-Paul Praz; Marco Scarponi; Giulia Sedran; Laurent Théodule; Giovanni Thomasset; Andrea Vallino; Diego Verthuy; David Vevey; Manuela Voyat; Luciano Zoppo Ronzero. La media delle valutazioni finali supera gli 8/10.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aosta, consegnati gli attestati a 43 nuovi giovani agricoltori Aosta, consegnati gli attestati a 43 nuovi giovani agricoltori ultima modifica: 2014-05-16T11:38:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento