Roma, street art a metro Spagna e da oggi in vendita i Bit d’autore

bitpapaNella stazione Spagna della metro A in sole due notti sono stati realizzati alcuni affreschi di street art da parte di 6 artisti francesi di fama internazionale e conosciuti in tutto il mondo con i loro tag: C215, Alexone, Espilopoint, Popay, Seth, Philippe Baudelocque.

Per la prima volta in Italia, il gruppo di artisti si è riunito per dare vita ad opere singole nell’ambito di uno spazio metropolitano: la metro della Capitale, percorsa nel sottosuolo da milioni di passeggeri e turisti.

I murales sono stati realizzati a titolo gratuito e donati dagli autori a Roma per riqualificare un ambiente urbano di grande afflusso e transito, rendendolo così anche luogo partecipato e veicolo culturale.

Prosegue intanto, con Bit regeneration, l’impegno di Atac nei confronti della cultura e delle arti visive alternative. Da oggi sono in distribuzione 50.000 carnet contenenti ciascuno 10 BIT (Biglietto Integrato a Tempo da euro 1,50) al prezzo scontato di 14 euro a confezione.

All’interno di soltanto 1.000 carnet è possibile trovare un biglietto speciale da collezione, con raffigurata l’opera realizzata in esclusiva per Atac dall’artista francese Christian Guemy, conosciuto con il tag C215 tra gli street artist.

Ogni singolo biglietto speciale di Guemy/C215 è numerato, si tratta quindi di un unico e irripetibile pezzo da collezione per appassionati e cultori di arte contemporanea.

I carnet scontati sono in distribuzione esclusivamente nelle 11 biglietterie Atac (linea A: Anagnina, Battistini, Lepanto, Ottaviano, Spagna; linea B/B1: Laurentina, Eur Fermi, Ponte Mammolo, Conca d’Oro, Termini; Roma-Viterbo: Flaminio) e nelle due biglietterie mobili Atac sul territorio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, street art a metro Spagna e da oggi in vendita i Bit d’autore Roma, street art a metro Spagna e da oggi in vendita i Bit d’autore ultima modifica: 2014-05-13T10:05:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento