Savona, l’arte contemporanea per il Giro d’Italia

Cresce l’attesa per l’11a tappa del Giro d’Italia, la Collecchio-Savona del 21 maggio 2014. Moltissimi sono gli spunti di interesse legati alla manifestazione che sarà arricchita da importanti iniziative collaterali, tutte volte a valorizzare il territorio in ogni sua espressione, anche attraverso le opere d’arte che due artisti di grande prestigio hanno deciso di donare e mettere a disposizione del Comitato di Tappa e del Giro d’Italia per le premiazioni ufficiali del 21 maggio. Parliamo di Danilo Trogu, ceramista albisolese e di Vanessa Cavallaro, artista altarese specializzata nell’incisione a mano di vetro e cristallo che dunque rappresenteranno idealmente le tradizioni ceramiche e vetrarie di Albisola ed Altare in questa eccezionale vetrina per la città. Danilo Trogu ha realizzato la scultura di un ciclista in ceramica cotta a gran fuoco, premio che verrà consegnato con tutti gli onori al vincitore di tappa. Dal canto suo Vanessa Cavallaro ha realizzato ed inciso una serie di splendidi trofei (in cristallo soffiato ed inciso a mano, alti trenta centimetri) che saranno consegnati sul palco delle premiazioni a chi, dopo la tappa Collecchio-Savona, indosserà la maglia Rosa (classifica generale), la maglia Bianca (dei più giovani), la maglia Rossa (a punti) e la maglia Azzurra (Gran premio della montagna). Le opere, gli artisti e le tradizioni che rappresentano hanno un parallelo preciso con l’itinerario della tappa Collecchio-Savona che non a caso passerà anche da Albisola e da Altare, con lo scopo preciso di promuovere al meglio le eccellenze artistiche del territorio come è del resto nella più bella tradizione del Giro d’Italia, che da sempre unisce ai valori sportivi ed agonistici quelli turistico-culturali in un binomio inscindibile.

9 su 10 da parte di 34 recensori Savona, l’arte contemporanea per il Giro d’Italia Savona, l’arte contemporanea per il Giro d’Italia ultima modifica: 2014-05-12T13:02:26+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento