Napoli, progetto integrativo della nuova Facoltà di Medicina a Scampia

La Giunta su proposta degli assessori Fucito, Piscopo e Calabrese ha approvato in serata il progetto esecutivo delle opere complementari e aggiuntive al completamento della nuova Facoltà di Medicina della Federico II in via di realizzazione a Scampia nell’area della ex vela H, per un importo complessivo di 8.690.000,00.

L’esigenza dell’integrazione è nata dall’evoluzione delle necessità didattico-formative, che comportano soprattutto un’attività diretta con il paziente, a livello ambulatoriale, di day hospital ( con i posti letto che passeranno da 5 a 32 e con la realizzazione di nuovo laboratorio di radiologia).

A seguito del protocollo d’intesa tra la Regione Campania, il Comune di Napoli e l’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Amministrazione Comunale, nell’ambito del progetto di riqualificazione del quartiere di Scampia, ha in corso la costruzione della nuova Facoltà di medicina.L’ intervento è finanziato con i fondi POR Regione Campania -2000/06 PIT “città di Napoli” asse V misura 5.1 ed il progetto è stato redatto dallo studio Gregotti associati di Milano.

L’intero complesso edilizio si sviluppa su un’area di circa 10.000 mq. mentre l’area di sedime è di 8770 mq. L’edificio, a forma di corona circolare, si sviluppa su sei livelli di cui uno seminterrato e cinque fuori terra, per una superficie costruita di 21.380 mq., sono previsti altresì un parcheggio esterno ed uno interrato. Nel piano seminterrato sono collocati i parcheggi, gli spazi di deposito ed i servizi con accesso indipendente dalla strada; a piano terra è stata realizzata una grande hall di accoglienza, all’interno della quale sono collocati i punti informativi, spazi per il ristoro, un college store, edicole, spazi segreteria; sempre a questa quota vi è la grande aula magna per circa 60 posti e 15 aule per complessivi 1500 posti; al primo e secondo piano sono previste le altre aule (complessivamente altri 1500 posti) , una grande biblioteca e laboratori didattici e multimediali; il terzo piano è destinato alla Nutrizione Umana ed alla Salute Umana, mentre il quarto e quinto piano sono destinate alle attività ambulatoriali, al day hospital , ai consultori, ai laboratori diagnostici, alla riabilitazione.

Il Polo di Scampia è parte integrante della Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II ed offrirà nuove opportunità per il tirocinio pratico degli studenti. Mentre infatti la struttura Policlinico è prevalentemente orientata alla degenza in ricovero ordinario ed all’ Alta Specializzazione, il Polo di Scampia offre la opportunità della formazione nella Medicina Primaria e nella Specialistica Territoriale.

Nel Polo Universitario di Scampia non verranno infatti realizzate degenze in regime di ricovero, bensì attività ambulatoriali, attività di specialistica ambulatoriale , attività di Day Service, di day Hospital e di Day Surgery. Non vi saranno ovviamente strutture addette all’emergenza/urgenza.

La localizzazione del Polo Universitario nella Municipalità Chiaiano-Scampia, che comprende circa 90.000 cittadini, ha anche lo scopo di offrire al territorio il potenziamento delle cure primarie, attraverso la integrazione con le strutture Distrettuali, e l’accesso ad una medicina specialistica qualificata, con i moderni e razionali strumenti delle strutture ‘di giorno’ .

9 su 10 da parte di 34 recensori Napoli, progetto integrativo della nuova Facoltà di Medicina a Scampia Napoli, progetto integrativo della nuova Facoltà di Medicina a Scampia ultima modifica: 2014-05-10T13:17:43+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento