Fondi europei, progetto Maremma, promozione turistica e autostrada

Tra le questioni condivise l’invito a sfruttare al meglio l’occasione rappresentata dal nuovo settennato dei fondi europei e la disponibilità da parte della Regione a concordare con le categorie economiche un “Progetto speciale” per la Maremma, poi da finanziare. Tra le divergenze di opinioni quella sulla necessità avvertita in sede locale di promuovere autonomamente le vocazioni turistiche maremmane invece di sfruttare il più noto brand “Toscana” come suggerito dal presidente della Regione, e soprattutto la dichiarazione del presidente della Camera di Commercio circa la contrariarietà a realizzare il completamento della Tirrenica seguendo l’attuale tracciato e la sua preferenza per quello Cipe del 2008.

Si è svolto tra questi alti e bassi il pur cordialissimo incontro tra il presidente della Regione Toscana e i vertici della Camera di Commercio di Grosseto.

L’invito del presidente regionale si è focalizzato soprattutto sull’occasione rappresentata dai 90 milioni di euro in più rispetto al settennato che scade quest’anno, destinati agli interventi in agricoltura e su quella dei 140 milioni di fondi destinati ad opere di miglioramento energetico, finanziamenti che la Regione ha deciso di rendere disponibili entro fine anno, grazie all’anticipazione di 80 milioni di euro dal proprio bilancio e ai bandi che tra breve dovrebbe emettere.

Quanto al “Progetto speciale Maremma” il presidente della Regione ha proposto ai rappresentanti del mondo imprenditoriale di sedersi intorno ad un tavolo per discuterne e condividerne scopi, finalità e contenuti. L’impressione è che a quel tavolo non mancherà un nuovo confronto anche sulla discussa questione della Tirrenica.

9 su 10 da parte di 34 recensori Fondi europei, progetto Maremma, promozione turistica e autostrada Fondi europei, progetto Maremma, promozione turistica e autostrada ultima modifica: 2014-05-03T10:23:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento