Idea del Cavaliere in mostra a Malpensa

Dopo il successo dell’iniziativa che ha riportato alla luce, dopo cinquant’anni e un accurato restauro, il gruppo scultoreo dei Sette Savi di Fausto Melotti, il Terminal 1 dell’Aeroporto di Malpensa ospiterà un altro capolavoro dell’arte del XX secolo. Sarà infatti l’Idea del Cavaliere, realizzata nel 1955 da Marino Marini (1901-1980) – scultura tra le più famose e più apprezzate del maestro toscano ora conservata al Museo del Novecento – ad accogliere, dal 15 maggio al 31 agosto 2014, i viaggiatori che transiteranno dall’affascinante spazio della Porta di Milano, collocato nello scalo tra l’ingresso del Terminal principale e la stazione ferroviaria che conduce in città.

La mostra, curata dal Museo del Novecento di Milano e promossa dal Comune di Milano e da SEA – Aeroporti di Milano, segna anche l’inizio di una collaborazione pluriennale tra il Museo del Novecento e il gestore degli scali aeroportuali di Milano.

“Prosegue con un’altra opera caratterizzata da un forte potere iconico l’esperienza di contaminazione tra arte contemporanea e spazi pubblici della città, iniziata con l’esposizione dei Sette Savi di Melotti: opera che ha inaugurato questo straordinario ciclo di mostre presso la Porta di Milano e che sarà prossimamente esposta a Brescia con un importante progetto espositivo ancora in fase di definizione – ha dichiarato l’assessore alla Cultura –. Un esperimento che ha avuto un grande successo anche per il forte valore simbolico della mostra, che accoglie i passeggeri provenienti da tutto il mondo con il volto più bello della città, offrendo l’opportunità di scoprire, appena sbarcati dall’aereo, una straordinaria città d’arte e cultura. L’opera resterà esposta tutta l’estate, “incontrando” anche i passeggeri in transito e invitandoli così, discretamente e indirettamente, a trattenersi a Milano per scoprirla meglio. Un invito che sarà rinnovato nei prossimi mesi, e dunque anche durante il semestre di Expo 2015, con nuove opere e diversi artisti delle preziose collezioni civiche d’arte”.

L’opera
Realizzata da Marino Marini nel 1955, la scultura Idea del Cavaliere fa parte di un complesso di cinque diverse opere dedicate al medesimo soggetto. La rappresentazione del binomio cavallo/cavaliere interpreta un interesse costante nella produzione di Marini. A partire dalla prima elaborazione, del 1935, l’artista tornò più volte sul tema dando vita, nel corso degli anni, a una serrata sequenza di sculture e pitture. Nata come indagine antiretorica intorno alla vitalità della millenaria tradizione monumentale della figura a cavallo, la serie si impone nel quadro della storia della scultura italiana del Novecento quale ragionamento strutturale sulle forme della scultura. Interpretata dalla critica per lo più in chiave esistenziale, insistendo sull’ipotesi di un indurimento della composizione seguito all’esperienza tragica della guerra, l’opera si colloca entro un dialogo stringente con la contemporaneità.
Come ebbe modo di sottolineare lo stesso Marino Marini nel 1958, “quando si considerano l’una dopo l’altra le mie statue equestri di questi ultimi dodici anni, si osserva ogni volta che il cavaliere è incapace di domare il cavallo e che la bestia, nella sua angoscia sempre più selvaggia, diventa più rigida, invece di impennarsi. Credo proprio sul serio che stiamo andando verso la fine di un mondo”.

La Porta di Milano è un’opera architettonica che rappresenta la “dodicesima porta” di accesso alla città, realizzata dagli architetti Pierluigi Nicolin, Sonia Calzoni – che hanno firmato anche l’allestimento della mostra – Giuseppe Marinoni, Giuliana Di Gregorio, vincitori del concorso internazionale, promosso da SEA Aeroporti di Milano nel giugno 2009, con un progetto selezionato tra gli oltre 90 provenienti da tutto il mondo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Idea del Cavaliere in mostra a Malpensa Idea del Cavaliere in mostra a Malpensa ultima modifica: 2014-04-30T00:26:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento