La scomparsa di Padre Frumenzio Ghetta rappresenta una grave perdita per l’intera comunità fassana

“Padre Frumenzio de Martin è stato una persona amata e stimata non solo in Fassa ma in tutta la nostra Provincia e Regione, soprattutto per le sue conoscenze, il suo spessore, i suoi contributi e le sue ricerche in campo storico e culturale. Voglio ricordare in particolare la sua figura di religioso umile, al servizio dei più poveri, espressione di sincera umanità, interprete di profondi principi e valori per la comunità. I suoi studi a favore della storia dei ladini e della Valle di Fassa hanno dato un notevole apporto, sono stati di grande utilità nel rafforzare e consolidare l’identità della nostra ladinità fassana. Con il suo prezioso lavoro, speso in gran parte negli archivi e nelle biblioteche di tutta la Regione e oltre, sempre alla ricerca di documenti utili alla verità, Padre Ghetta ha contribuito a scrivere alcune delle pagine più importanti della storia dell’Autonomia. Un protagonista assoluto e centrale della storiografia trentina e regionale. Tutti noi oggi possiamo essere grati a quest’uomo, lo ricorderemo sempre grazie al suo impegno e all’immenso e prezioso patrimonio di conoscenza che ci ha lasciato”.

E’ quanto scrive in una nota stampa Giuseppe Detomas, Assessore regionale per le Minoranze linguistiche.

9 su 10 da parte di 34 recensori La scomparsa di Padre Frumenzio Ghetta rappresenta una grave perdita per l’intera comunità fassana La scomparsa di Padre Frumenzio Ghetta rappresenta una grave perdita per l’intera comunità fassana ultima modifica: 2014-04-23T11:16:18+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento