Seconda edizione per Una bussola per il Lavoro, Bcc e università in prima linea

Tre lezioni per imparare a stendere un curriculum efficace ed affrontare al meglio il colloquio professionale: l’iniziativa, frutto della collaborazione tra l’Istituto di Credito e l’Università, rientra nei progetti di formazione attuati dalla Banca.

Dopo il successo della prima edizione lo scorso Novembre, torna l’iniziativa “Una Bussola per il Lavoro” con cui la BCC della Bergamasca, in collaborazione con il Servizio Orientamento, Stage e Placement dell’Università di Bergamo, si attiva per fornire a giovani ed adulti, talvolta alla ricerca di una seconda occasione di collocamento nel mercato lavorativo, gli strumenti per redigere un curriculum efficace e affrontare al meglio un colloquio di lavoro. Tre lezioni, guidate dai docenti dell’Ateneo Elena Gotti e Lorenzo Locatelli, daranno infatti ai partecipanti l’opportunità non solo di comprendere le strategie più idonee per proporsi, ma anche di confrontarsi con degli specialisti per capire gli errori più comuni nell’affrontare lo scoglio del primo incontro in azienda.

L’appuntamento con la “scuola di formazione lavorativa” è fissato nelle aule della BCC della Bergamasca a Zanica per il 13 -15 e 20 Maggio dalle 18.30 alle 20.30. Nelle sei ore di corso, accanto alla sessione teorica, è prevista anche una parte operativa-pratica affidata a simulazioni del colloquio di lavoro sostenute dai partecipanti.

<<Lo scorso anno – spiega Gualtiero Baresi, Presidente BCC – abbiamo verificato la validità di queste serate formative condotte con grande professionalità e competenza da alcuni membri dello staff del Servizio Orientamento, Stage e Placement dell’Università di Bergamo. Le valutazioni molto positive dei partecipanti ci hanno spinto a riproporre per il secondo anno consecutivo questa iniziativa che rientra nei progetti sostenuti dal nostro istituto di credito per supportare giovani e adulti nella ricerca dell’impiego. In un periodo complesso come quello che stiamo affrontando, in cui il lavoro continua ad essere una emergenza, è nostro preciso compito attivarci per aiutare i nostri soci e correntisti anche in questa circostanza. Imparare a stendere una carta d’identità di presentazione accattivante o a presentarsi nel modo migliore durante un incontro professionale può essere infatti il primo gradino da salire nella ricerca del lavoro. Con “Una Bussola per il lavoro” cerchiamo di fornire gli strumenti e le informazioni per giocarsi al meglio la propria opportunità. Non ci resta dunque che augurare a tutti i partecipanti un sincero in bocca al lupo per il loro futuro>>.

Ultimo nato tra i progetti messi in pista dalla BCC della Bergamasca ad alto tasso di formazione – tra gli altri come “Scuola di Banca”, che permette agli studenti delle scuole elementari, medie e superiori di approcciarsi a concetti di economia e finanza sotto la guida vigile degli “addetti ai lavori” della Banca, e “Le faremo sapere”, lezione tra serio e comico tenuta dall’attore Pietro Ghislandi per imparare ad affrontare il colloquio di lavoro, primo momento topico nell’incontro tra azienda e candidato – “Una Bussola per il Lavoro” lo scorso anno ha visto il coinvolgimento di oltre 40 persone.

<<Siamo sicuri che anche quest’anno l’iniziativa raccoglierà consensi – conclude il direttore generale della BCC Marino Ghilardi – e potrà essere un valido supporto soprattutto per quanti stanno cercando di rientrare nel mercato del lavoro, in un’epoca in cui riuscire a ritagliarsi un ruolo professionale, per giovani e non, è sempre più difficile. Riuscire a fornire qualche indicazione utile per poterlo fare con efficacia è quello in cui ci impegniamo convinti che possa essere utile per la formazione di ciascuno>>.

bussola

 

9 su 10 da parte di 34 recensori Seconda edizione per Una bussola per il Lavoro, Bcc e università in prima linea Seconda edizione per Una bussola per il Lavoro, Bcc e università in prima linea ultima modifica: 2014-04-22T08:55:41+00:00 da Raffaela Borea
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento