Napoli, Roberto Calenda impiccato nel cortile della media Pavese

Da un primo esame del medico legale ed i rilievi della polizia scientifica, sembra farsi strada l’ipotesi del suicidio. Roberto Calenda, 35 anni, potrebbe avere egli stesso stretto i polsi con la fascetta elastica.

L’uomo risulta incensurato e sarebbe un tossicodipendente. Per lui, soltanto un vecchio precedente per ricettazione. La morte potrebbe essere avvenuta a notte fonda.

Lascia un commento