Catania, maxi confisca di beni a Mario Giuseppe Scinardo e a Sebastiano Rampulla

Confiscati beni per 200 milioni ritenuti riconducibili a Mario Giuseppe Scinardo, di Cosa Nostra di Mistretta, e a Sebastiano Rampulla, deceduto nel 2010, e fratello di Pietro, condannato per essere stato l’artificiere che ha confezionato l’ordigno della strage di Capaci. Il provvedimento, eseguito nelle province di Catania, Siracusa ed Enna, è stato emesso dalla Corte di Cassazione.

Il patrimonio confiscato dalla Dia, valutato circa 200 milioni, risulta costituito da numerose società e ditte individuali, da circa 230 beni immobili (comprese vaste distese di terreno, appartamenti, ville e locali commerciali) e da aziende agrituristiche e vinicole, da impianti di calcestruzzo e da circa 90 mezzi, tra camion, escavatori, trattori, mezzi agricoli ed autovetture di grossa cilindrata.

9 su 10 da parte di 34 recensori Catania, maxi confisca di beni a Mario Giuseppe Scinardo e a Sebastiano Rampulla Catania, maxi confisca di beni a Mario Giuseppe Scinardo e a Sebastiano Rampulla ultima modifica: 2014-04-17T06:00:41+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento