Milano, Ghisabike per incentivare i bambini ad usare la bici nei quartieri

ghisa milanoConoscere il proprio quartiere, imparare a muoversi in bici rispettando le regole della sicurezza stradale e riconoscendo i reali pericoli che possono presentarsi mentre si pedala. Questo l’obiettivo del progetto “Ghisabike”, presentato alla Rotonda della Besana a centinaia di genitori e bambini delle scuole primarie, nell’ambito dell’iniziativa “Siamonatipercamminare”, curata dall’associazione Genitori Antismog con il patrocinio del Comune. Erano presenti anche gli assessori all’Educazione, alla Mobilità e alla Polizia locale.

Il nuovo progetto di educazione stradale attiva, realizzato dalla Polizia locale, è dedicato agli alunni delle classi quarte e quinte per incentivare i bambini a utilizzare l’uso della bicicletta all’interno del proprio quartiere. Il progetto “Ghisabike”, grazie al supporto del ‘vigile di quartiere’, ha l’obiettivo di far conoscere ai ragazzini il più possibile il quartiere nel quale abitano e si muovono, imparando a individuare le eventuali criticità presenti, rafforzando il legame con il territorio e con le istituzioni, rispettando le regole della sicurezza stradale, riconoscendo i reali pericoli della strada, nella consapevolezza che un miglioramento della coesione sociale porta inevitabilmente ad un miglioramento della qualità della vita.

Trecento bambini e un centinaio di genitori della scuola primaria di via Pisacane sono arrivati alla Rotonda della Besana pedalando le loro biciclette oppure a bordo dei loro monopattini. La lunga biciclettata è stata accompagnata dagli agenti della Scuola di Educazione Stradale della Polizia locale, che si occupano di realizzare il progetto “Ghisabike” nelle scuole milanesi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, Ghisabike per incentivare i bambini ad usare la bici nei quartieri Milano, Ghisabike per incentivare i bambini ad usare la bici nei quartieri ultima modifica: 2014-04-13T10:06:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento