Giornata internazionale dei monumenti e dei siti, iniziative per ricordare la Grande Guerra

Sarà la Grande Guerra, in occasione del centenario dallo scoppio del conflitto, il filo conduttore della Giornata internazionale dei Monumenti e dei Siti promossa dall’Unesco e dall’Icomos e prevista per il 18 aprile. A Firenze le iniziative inizieranno già la prossima domenica, 13 aprile, in occasione della Domenica del Fiorentino, e culmineranno appunto venerdì.
Domenica 13 aprile ci sarà l’apertura straordinaria dalle 10 alle 13 di Palazzo Coppini, sede del Centro studi e incontri internazionali della Fondazione Romualdo Del Bianco e dell’Istituto Internazionale Life Beyond Tourism in via del Giglio 10, e dell’Auditorium al Duomo in Via de’ Cerretani 54r. Sarà inoltre straordinariamente aperta dalle 10 alle 16.30 l’Accademia delle Arti e del Disegno in via Orsanmichele 4, con conferenza alle 11.00 del professor Marco Lombardi sul tema “Una guerra per immagini: l’Istituto Francese di Firenze e il conflitto 1914-18”. Sempre domenica 13, dalle 15 alle 18, piazza dell’Unità ospiterà una riflessione con i cittadini sul patrimonio artistico (a cura di Comune di Firenze-ufficio Unesco in collaborazione con Associazione Cantieri Animati, Fondazione Angeli del Bello, Centro Unesco Onlus, cattedra Unesco Università di Firenze). Ci saranno anche visite guidate alla scoperta delle testimonianze della Grande Guerra con un itinerario che partirà da Palazzo Vecchio e si snoderà nel centro storico per concludersi nella mattina a Palazzo Coppini e nel pomeriggio a Piazza dell’Unità , a cura di MUS.E (ore 10,00 – 10.30 – 12.00 – 14.30 – 15 – 16.30, durata 1 ora e 15 min, info:http://www.musefirenze.it/domenicafiorentino/6157/?iddomenica=Domenica%20del%20Fiorentino%2013%20aprile
Lunedì 14 aprile sarà possibile visitare alle 15.00, 15.20 e 15.40 il laboratorio di restauro della Lapide monumentale che rappresenta un caduto, un fante, la vittoria alata, una donna con bambino di Giuseppe Gronchi presso l’Opificio delle Pietre Dure, via degli Alfani 78 (prenotazione obbligatoria presso Associazione MUS.E Tel. 055/2768224 – 055/2768558 mail info@muse.comune.fi.it).
Infine, il 18 aprile, sono previste varie iniziative di riflessione e approfondimento.
All’Accademia delle Arti e del Disegno (via Orsanmichele 4) alle 9.30 ci sarà un convegno. Presenti per i saluti Luigi Zangheri presidente Accademia delle Arti del Disegno; Sergio Givone, assessore alla cultura; Maurizio Di Stefano, presidente Icomos Italia; Maria Luisa Stringa, presidente Centro Unesco di Firenze; Emma Mandelli, Fondazione Romualdo Del Bianco. Seguiranno gli interventi di Zangheri su “Una politica della memoria: Dario Lupi e i parchi della rimembranza 1922-1925”; di Lia Brunori del Polo museale fiorentino su “Monumenti ai Caduti: un catalogo per Firenze e la sua provincia”; e di Carlo Francini, per il Comune di Firenze, su “Il patrimonio artistico e la guerra: tra protezione, memoria e tragica attualità”.
Alle 11 ci sarà l’inaugurazione della mostra ‘Cultura della memoria’: immagini della Grande Guerra nelle raccolte dell’Accademia delle Arti del Disegno.
Alle 11.30 presso il Famedio di Santa Croce si svolgerà un momento di accompagnamento e documentazione a cura dell’Opera di Santa Croce. Seguirà, a mezzogiorno, lo spettacolo “Prima dell’armistizio Poesia e prosa dalla Prima Guerra Mondiale” a cura di Venti Lucenti.
Alle 18, infine, presso la Società Dante Alighieri (via Gino Capponi, 4) concluderà la giornata lo spettacolo “Voci dell’altra guerra”, ideazione e coordinamento Anna Carletto.
La giornata è organizzata e coordinata da Carlo Francini , Antonella Chiti dell’ufficio Unesco del Comune di Firenze in collaborazione con Accademia delle Arti del Disegno, ,Associazione Cantieri Animati, Cattedra Unesco Università di Firenze, Centro Unesco Onlus, Fondazione Angeli del Bello, Fondazione Romualdo Del Bianco – Istituto Internazionale Life Beyond Tourism, Icomos Italia, MUS.E, Societa’ Dante Alighieri Comitato di Firenze, Opera di Santa Croce, Opificio delle Pietre Dure , Venti Lucenti.

Lascia un commento