Modena, nuovo servizio di bike sharing regionale

È stato inaugurato il nuovo servizio di bike sharing regionale “Mi muovo in bici”. A tagliare il nastro alla Stazione dei treni, sono stati il sindaco di Modena Giorgio Pighi, l’assessori comunale all’Ambiente, Simona Arletti, e alla Mobilità, Gabriele Giacobazzi, l’assessore regionale alle Attività produttive, piano energetico e sviluppo sostenibile Gian Carlo Muzzarelli, Marco Giupponi della società Bicincittà e rappresentanti del Consorzio solidarietà sociale al quale è affidata la manutenzione delle bici.
All’inaugurazione hanno preso parte anche i partecipanti degli sciami di biciclette partiti da varie parti della città in occasione della domenica senz’auto, che ha visto alternarsi numerose e articolate iniziative gratuite nelle piazze e in diversi angoli della città dedicate a chi ha deciso di muoversi e stare in compagnia durante l’arco della giornata festiva. Aperte anche molte attività commerciali del centro storico.
D’ora in avanti in piazza Alighieri (Stazione dei treni), in piazza Matteotti e nei pressi del terminal degli autobus di via Gottardi è quindi possibile prelevare una delle biciclette del bike sharing. L’Amministrazione ha attivato questo sistema di noleggio già presente in altre città della Regione, che a Modena si va ad aggiungere al servizio gratuito “C’Entro in bici”, con l’obiettivo di implementare la rete di servizi di trasporto integrato regionale. Con la stessa tessera “Mi muovo”, infatti, i cittadini dell’Emilia Romagna possono utilizzare diverse modalità di trasporto su tutto il territorio regionale: autobus, treni e bici urbani ed extraurbani, regionali e locali, biciclette tradizionali e, in alcune città, a pedalata assistita. La Regione ha fornito le biciclette, complete di postazioni, in comodato al Comune, che si è invece occupato delle installazioni necessarie e della gestione del servizio.
A Modena sono disponibili una trentina di biciclette a pedalata tradizionale, con 15 colonnine per il prelievo o deposito in ogni postazione, in modo da rendere possibile il ritiro del mezzo in una postazione e la consegna in un’altra. Il servizio, attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, è destinato a tutti i cittadini dell’Emilia-Romagna dai 16 anni in su, in particolare a pendolari e turisti, che hanno la necessità di effettuare brevi spostamenti in città, senza imbattersi nel problema dell’accesso alla Ztl o del parcheggio.
Il noleggio giornaliero ha un costo di 5 euro, mentre gli abbonamenti annuali ricaricabili hanno un costo fisso di iscrizione annuale di 15 euro, cui vanno aggiunti 5 euro di spesa per la tessera e 5 di ricarica minima obbligatoria. La prima mezzora di utilizzo è gratuita, quindi ad esempio, se un pendolare preleva la bicicletta in stazione dei treni per recarsi in centro storico e la deposita in piazza Matteotti, e ritorno, non avrà costi di utilizzo ulteriori a quello annuale fisso. Ogni mezzora successiva fino alla terza ora ha un costo di 0,80 centesimi e dalla terza alla 24esima ora di 2 euro all’ora. È possibile, inoltre, aggiungere una copertura assicurativa facoltativa con validità annuale al costo di 5 euro.
Per informazioni www.comune.modena.it/mobilita, numero verde regionale 800 388988; per abbonamenti Ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Modena, tel. 059 20312, o www.mimuovoinbici.it.

9 su 10 da parte di 34 recensori Modena, nuovo servizio di bike sharing regionale Modena, nuovo servizio di bike sharing regionale ultima modifica: 2014-04-07T00:49:33+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento