Firenze, vendono merce contraffatta al mercato di viale Fanti, denunciati dalla Municipale

Continuano i controlli della Polizia Municipale al mercato rionale di viale Fanti. Sequestrato un intero banco di vendita con oltre 300 pezzi di abbigliamento ed accessori dei più noti marchi, tutti abilmente contraffatti.
Gli agenti della Zona centrale e del reparto Sicurezza Urbana hanno notato un banco di magliette, vestiti da donna, pantaloni, gonne, teli da spiaggia e occhiali, tutti di note griffe. Insospettiti hanno fatto acquistare un capo da una agente in borghese e dall’esame dettagliato, effettuato a tempo di record, è emerso che si trattava di un prodotto “taroccato”. Una volta accertata la contraffazione del marchio, gli agenti hanno sequestrato la merce. I venditori, tutti italiani, sono stati denunciati per ricettazione e vendita di prodotti contraffatti.
Durante i controlli amministrativi è stato anche accertato che il proprietario della merce non era il titolare del posteggio per la giornata di oggi: in realtà i due si erano accordati fra loro per una sorta di subaffitto dello spazio e del banco. Per i due è quindi scattata anche una sanzione da 550 euro ciascuno per la violazione della Legge Regionale sul commercio.
Gli agenti hanno anche accertato che l’assicurazione del furgone, un Fiat fiorino, era contraffatta, così come pure l’assicurazione della Chrysler Cruiser di proprietà del titolare del posteggio al mercato, arrivato al mercato durante i controlli. Entrambi i veicoli sono stati sequestrati per essere sottoposti alla confisca e i due proprietari denunciati. I mezzi sono risultati anche essere sottoposti alle cosiddette “ganasce fiscali”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, vendono merce contraffatta al mercato di viale Fanti, denunciati dalla Municipale Firenze, vendono merce contraffatta al mercato di viale Fanti, denunciati dalla Municipale ultima modifica: 2014-04-05T02:05:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento