P.O. Val d’Agri, lunedì sindaci e associazioni a confronto

Un incontro con le associazioni del territorio per discutere e confrontarsi sulla possibilità di creare un organismo di gestione comprensoriale del settore culturale. Sarà questo il tema della riunione che si terrà lunedì 31 marzo alle ore 16.30 presso la sala riunioni dei Calanchi alla presenza dei sindaci del Programma Operativo Val d’Agri-Melandro-Sauro-Camastra. Nel corso dell’incontro si terrà un confronto sulla proposta progettuale che vorrebbe investire sulle eccellenze culturali territoriali e permettere una crescita delle associazioni e degli eventi che vengono organizzati nell’area. Nel territorio dei trentacinque comuni è, infatti, evidente una frammentazione dell’offerta culturale ed appare ne¬cessario individuare nuove formule che possano creare integrazione, equilibrio e sistema tra coloro che operano nel settore.
Approvato nel mese di novembre 2012 dal Comitato di Coordinamento e Monitoraggio, il documento “L’industria culturale e il Programma Operativo Val d’Agri Melandro Sauro Camastra” è stato recepito con delibera di Giunta Regionale nel luglio 2013.
A seguito della riunione dello scorso 3 febbraio, i primi cittadini presenti hanno ritenuto opportuno confrontarsi con il tessuto associazionistico per individuare la migliore forma di aggregazione che sia capace di trasformare l’attuale sostegno alle attività culturali in un sistema integrato in grado di valorizzare le eccellenze del territorio.
La riunione sarà, quindi, l’occasione per gli enti locali e le associazioni di comunicare tra loro e comprendere se un sistema culturale integrato e organizzato po¬trebbe, di fatto, favorire l’afflusso di turisti nell’area e permettere a chi ha investito nel settore di creare nuova occupazione ed economia.

9 su 10 da parte di 34 recensori P.O. Val d’Agri, lunedì sindaci e associazioni a confronto P.O. Val d’Agri, lunedì sindaci e associazioni a confronto ultima modifica: 2014-03-28T18:23:57+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento