Nuovi souvenir per Firenze, ideati da giovani designer, realizzati a mano dagli artigiani fiorentini

Oggetti unici ispirati alla tradizione e innovati dalla creatività, che parlano del sapere degli artigiani e raccontano Firenze. Dalla Cupola del Brunelleschi alle volute di Santa Maria Novella passando per la Torre di Arnolfo, le immagini simbolo di Firenze si rinnovano grazie all’estro di giovani designer e diventano originali souvenir, frammenti di bellezza da riportare a casa.
Vengono presentati questa mattina in Palazzo Vecchio i risultati del lavoro dei giovani creativi selezionati per il concorso di idee promosso dalla Fondazione di Firenze per l’artigianato artistico, in collaborazione con il Comune di Firenze e la Provincia di Firenze.
Sei oggetti tutti diversi, ideati dai designer e realizzati in collaborazione con gli artigiani del territorio fiorentino, che hanno l’ambizione di diventare i nuovi “oggetti ricordo” in vendita per turisti e amanti della città di Firenze, con la voglia di portarne “un pezzetto” via con sé.
Gli oggetti, accompagnati da un piccolo pieghevole illustrativo in italiano e in inglese, si trovano in vendita sia al bookshop di Palazzo Vecchio che al bookshop di Mandragora in piazza del Duomo.
“Abbiamo organizzato un concorso aperto ai giovani creativi con lo scopo di stimolare l’interazione fra la grande tradizione dell’artigianato artistico fiorentino e i nuovi orizzonti di ricerca estetica del design”, spiega il direttore della Fondazione, Enrica Maria Paoletti. “Gli oggetti prodotti sono unici e originali, e questo è senz’altro un obiettivo raggiunto; ma quello che più conta per noi è il percorso fatto: questo incontro e scambio tra la tradizione e l’innovazione, un testimone tra le generazioni, che può e deve essere di stimolo per il futuro di tutto il grande patrimonio di artigianato artistico fiorentino”.
“In questi lavori trovo orgoglio e passione – ha rilevato l’assessora all’educazione e alle politiche giovanili Cristina Giachi – il lavoro artigiano accende l’Italia, e la nostra città, come pochi altri temi. Tra questi giovani creativi emerge un mondo tutt’altro che rassegnato perché il made in Florence di alta qualità è un marchio apprezzato che non ha rivali in tutti i mercati del mondo”
“Il progetto, nato con l’obiettivo di avvicinare giovani designers tra i 16 e i 35 anni al mondo delle aziende artigiane del nostro territorio e allo stesso tempo favorire l’innovazione del prodotto e lo scambio tra le generazioni, ha raggiunto in pieno i risultati sperati. Gli artigiani coinvolti hanno messo a disposizione dei giovani il loro ‘sapere’ offrendo così una reale occasione di scambio fra giovani designers e il mondo della produzione. Questi oggetti trasmettono un’idea incredibile, fantastica, ma pur sempre riconoscibile, di una Firenze immaginata. Il concorso ha costituito un esperimento ardito che ha dimostrato quanto siano capaci i nostri giovani e auspico la prosecuzione di progetti con le stesse finalità” dichiara l’assessore alle politiche giovanili della Provincia di Firenze, Antonella Coniglio.

Ecco i sei oggetti che i giovani designer hanno pensato e realizzato con gli artigiani fiorentini, i “nuovi souvenir” che raccontano la bellezza di Firenze in bilico tra tradizione e innovazione:

Eduardo Alessi/ Pasquale Malizia, Monolith Design
FLORENCE DIY POSTCARD
È una cartolina di cartone riciclato costituita da pezzi presagomati raffiguranti gli edifici simbolo di Firenze. Permette di essere personalizzata in ogni sua parte e, assemblata, ricrea un panorama 3D simbolico della città.

Ilaria Bartolini
MEMORIES 2.0
Il ricordo di un viaggio e di una città visitata è una cosa preziosa, un “gioiello” da riportare a casa, ma anche da portarsi sempre dietro. Un souvenir che si indossa e che diventa allo stesso tempo oggetto d’uso comune 2.0, poiché nasconde al suo interno una chiavetta usb.

Francesco Bigagli Niccoli / Il Bussetto
RIBUSTA
Manufatto realizzato in pelle conciata al vegetale, prende la forma delle classiche buste da lettere contenente al suo interno una cartolina con una skyline della città di Firenze. Aprendola diventerà un originale portafoto per esporre il ricordo più bello della vostra permanenza fiorentina.

Marcello Mastromatteo/ Studio ceramico Giusti
DUOVO
È immediata l’associazione del Duomo di Firenze con la forma perfetta di un uovo. “Duovo”, un utile souvenir, è un porta uovo in maiolica che ricorda la città mentre lo si usa per mangiare un uovo.

Floriana Pastore / Multitranciati
NOVELLA
Ispirandosi al disegno architettonico rinascimentale, Novella rende omaggio alla ricercatezza della moda fiorentina, indiscusso patrimonio della città. La traduzione delle volute di Santa Maria Novella con tecnologie moderne fa di una gruccia un souvenir che conserva la quintessenza unica di Firenze.

Lucia Totaro / Paolo Bruscoli
CINTURINA
La Cinturina è il bracciale artigianale double-face di Firenze. Il bianco e il rosso sono i colori dei due simboli della città che appaiono stilizzati sul bracciale: la Cupola del Duomo e il Giglio fiorentino. Il bracciale, altrimenti aperto, può essere utilizzato come elegante segnalibro in pelle.

9 su 10 da parte di 34 recensori Nuovi souvenir per Firenze, ideati da giovani designer, realizzati a mano dagli artigiani fiorentini Nuovi souvenir per Firenze, ideati da giovani designer, realizzati a mano dagli artigiani fiorentini ultima modifica: 2014-03-24T19:10:07+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento