Una delegazione del Comune di Milano in visita ad Auschwitz

Una delegazione di assessori e consiglieri del Comune di Milano è partita alla volta di Cracovia per una visita di due giorni al campo di sterminio di Auschwitz. L’iniziativa, promossa dall’assessore al Commercio Franco D’Alfonso e del consigliere comunale Ruggero Gabbai in occasione dell’ultima Giornata della Memoria, vuole contribuire a mantenere vivo tra i rappresentanti delle istituzioni il ricordo della Shoah e delle vittime della ferocia nazifascista.
Fanno parte della delegazione la vicesindaco Ada Lucia De Cesaris, l’assessore Franco D’Alfonso, il consigliere Gabbai e numerosi altri consiglieri comunali di maggioranza e opposizione.

“Questa visita al campo di Auschwitz – spiegano la vice Sindaco De Cesaris l’assessore D’Alfonso e il consigliere Gabbai – è un vero e proprio percorso di riflessione. Noi tutti, assessori e consiglieri, rappresentanti della città Medaglia d’oro della Resistenza, abbiamo il dovere di mantenere sempre vivo il ricordo di quanto accaduto, affinché Milano continui a essere un esempio di tolleranza e accoglienza. Noi non dimentichiamo e invitiamo tutti i milanesi a fare altrettanto, poiché dove c’è memoria c’è rispetto, conoscenza e contrasto a ogni forma di discriminazione, xenofobia e antisemitismo”.

Lo storico Marcello Pezzetti, direttore scientifico della Fondazione Museo della Shoah, accompagnerà la delegazione del Comune di Milano nella due giorni di visita: dall’antico quartiere ebraico di Kezemierz passando per la Sinagoga Remu sino ai luoghi della grande tragedia di Auschwitz.

La visita sarà a costo zero per l’Amministrazione comunale, poiché ogni partecipante sosterrà autonomamente le spese per il viaggio e il soggiorno.

9 su 10 da parte di 34 recensori Una delegazione del Comune di Milano in visita ad Auschwitz Una delegazione del Comune di Milano in visita ad Auschwitz ultima modifica: 2014-03-23T11:56:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento