Mobilità elettrica, a Milano 110 punti di ricarica raddoppiati nel 2013

Nel 2013 sono raddoppiati i punti per ricaricare le auto elettriche a Milano: ai 60 già disponibili sulle colonnine E-moving di A2A infatti si sono aggiunti a ottobre i circa 50 spazi “liberi” nelle 15 Isole digitali. È questo uno dei dati portati oggi all’incontro “Mobilità elettrica, scenari e impatti sul sistema metropolitano”, durante il quale sono stati illustrati i risultati delle ricerche svolte da RSE – Ricerca sul Sistema Energetico – nella monografia della collana RSEView “E… muoviti! Mobilità elettrica a sistema”.
Secondo le ricerche svolte da RSE nel 2030 in Italia saranno 10 milioni i veicoli elettrici in circolazione, concentrati per il 50% nelle grandi città, con consumi di energia elettrica dovuti alla mobilità inferiori al 5% e una riduzione delle importazioni di energia primaria per circa 1,8 miliardi di euro. Le previsioni indicano inoltre una tendenza di miglioramento delle prestazioni dei veicoli, che porteranno entro il 2020 il prezzo di una piccola utilitaria elettrica, con batteria di circa 20 kWh e autonomia reale di circa 150 km, ad eguagliare quello di un modello simile con motore a combustione interna.

“Per far sì che in Italia si sviluppi sempre di più il mercato dei veicoli elettrici è necessario lavorare sugli aspetti tecnologici e sull’autonomia delle auto. Le distanze in ambito urbano infatti sono già oggi compatibili, mentre il problema si presenta per gli spostamenti medio-lunghi”, hanno dichiarato dall’assessorato alla Mobilità e Ambiente. “Come Amministrazione vogliamo partecipare a un percorso di crescita del mercato, già in atto a Milano, attraverso politiche di incentivo, come la gratuità per l’ingresso in Area C e la sosta o le Isole digitali, che hanno permesso di raddoppiare il numero di punti di ricarica urbani, mostrando l’utilità dei mezzi elettrici e favorendone conoscenza e utilizzo”.

“Il tema della mobilità elettrica riveste, oltre a un ruolo tecnico-scientifico, un impatto sociale perché può arrivare a mutare i modelli comportamentali degli utenti e lo scenario urbano in termini ambientali, sino a determinare la nascita di un nuovo ecosistema infrastrutturale”, ha commentato Stefano Besseghini, AD di RSE. “Oggi le infrastrutture e le tecnologie della mobilità elettrica sono ben consolidate e quindi siamo nel momento migliore per creare le condizioni infrastrutturali e anche politiche affinché sia possibile l’affermazione nel sistema di una tecnologia in grado di giocare il ruolo di accumulo diffuso”.

Infine, secondo RSE, l’impatto dell’introduzione di un parco auto elettriche sul sistema elettrico di Milano (sempre in riferimento allo scenario dei 10 milioni di veicoli in tutta Italia) è già oggi totalmente assorbibile in termini di rete elettrica e di generazione, mentre gli ambiti di sviluppo maggiormente interessanti per incrementare la presenza di veicolo elettrici è quello della logistica e del trasporto merci in ambito urbano.

9 su 10 da parte di 34 recensori Mobilità elettrica, a Milano 110 punti di ricarica raddoppiati nel 2013 Mobilità elettrica, a Milano 110 punti di ricarica raddoppiati nel 2013 ultima modifica: 2014-03-21T03:24:53+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento