Una delegazione del Comitato delle Regioni a Reggio Emilia per studiare il modello pedagogico delle scuole dell’infanzia

L’Europa fa tappa a Reggio Emilia. Ospite della Provincia, venerdì 14 marzo sarà in città una delegazione del Comitato delle Regioni d’Europa, più precisamente della commissione Civex, per studiare da vicino il Reggio Emilia approach e l’esperienza delle scuole dell’infanzia famose in tutto il mondo.

La commissione Civex, di cui Sonia Masini è vicepresidente, si occupa dei diritti fondamentali nell’Unione europea ed opera all’interno del Comitato delle Regioni, l’organo consultivo della Ue che si adopera per dar voce ai rappresentanti degli enti locali di tutta Europa.

La visita di studio sarà l’occasione, spiega la presidente della Provincia di Reggio Emilia e componente del Cdr Sonia Masini, “per condividere nuove proposte per accrescere il ruolo dell’Europa nella scolarizzazione 0-6, in un momento in cui assistiamo, anche a causa della crisi economica, a preoccupanti fenomeni di diminuzione della frequenza scolastica nelle scuole dell’infanzia”.

La visita della delegazione europea a Reggio Emilia inizierà alle 9 con la visita alla scuola 8 marzo (in via Tarassov 19, in città) per proseguire alle 11.30 con la visita al centro internazionale Loris Malaguzzi. Qui, nel pomeriggio, dalle 14 alle 15.30 si terrà un momento di approfondimento sul tema del diritto all’istruzione sin dalla prima infanzia, uno scambio di buone prassi a livello locale tra gli stati rappresentati nella delegazione del Cdr e gli amministratori e pedagogisti locali. All’incontro parteciperà anche una delegazione giapponese invitata a Reggio Emilia dall’Ocse.

9 su 10 da parte di 34 recensori Una delegazione del Comitato delle Regioni a Reggio Emilia per studiare il modello pedagogico delle scuole dell’infanzia Una delegazione del Comitato delle Regioni a Reggio Emilia per studiare il modello pedagogico delle scuole dell’infanzia ultima modifica: 2014-03-13T10:25:13+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento