A Milano raggiunto il 48,3% di raccolta differenziata

RecyclingMilano ha raggiunto nel mese di gennaio 2014 il 48,3% di raccolta differenziata, con un incremento rispetto allo stesso mese del 2013 di quasi 7 punti percentuali. Contemporaneamente, i rifiuti indifferenziati sono calati del 13%. Sono questi alcuni dei risultati ottenuti da Milano con l’estensione della raccolta dell’umido anche alle utenze domestiche, partita a fine 2012 e che oggi interessa tre quarti della città (entro l’anno si estenderà a tutta Milano).

Un successo che oggi l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran presenta a Bruxelles durante la 21a edizione del ‘Packaging Waste and Sustainability Forum’. Si tratta di una conferenza indipendente, organizzata da Informa ed Expra, per fare il punto e guardare al futuro in materia di riduzione, smaltimento e riciclo dei rifiuti.

“Grazie all’umido e all’introduzione del sacco trasparente, in due anni, Milano è passata dal 34,5 al 48,3% di differenziata. E l’obiettivo di superare il 50% è sempre più vicino, dato che entro l’anno la raccolta dell’umido sarà estesa anche all’ultimo quarto della città”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran.

“Con questi risultati – ha proseguito Maran – Milano oggi è, insieme a Vienna, la migliore città europea sopra il milione di abitanti. Per Expo puntiamo, grazie al lavoro di Amsa e alla collaborazione di tutti i cittadini, a diventare la capitale della raccolta differenziata”.

La frazione umida, in particolare, è passata dal 9% di gennaio 2013 al 16% di quest’anno, con un incremento dell’82%. Nel complesso, inoltre, prendendo in esame tutto il 2012 e il 2013, la quantità di rifiuti a Milano è calata del 2,5%.

9 su 10 da parte di 34 recensori A Milano raggiunto il 48,3% di raccolta differenziata A Milano raggiunto il 48,3% di raccolta differenziata ultima modifica: 2014-03-06T11:00:24+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento