Roma, 500 utenze in aree rurali dei Municipi XIV e XV interessate dal divieto di utilizzo di acqua

L’Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana precisa che il divieto di utilizzo di acqua per il consumo umano emesso tramite ordinanza n.36 del 21 febbraio 2014 riguarda un numero molto limitato di utenti dei municipi XIV e XV. Si tratta di circa 500 utenti con allaccio agli acquedotti rurali dell’agenzia regionale ARSIAL: Malborghetto, Brandosa, Casaccia, Casal di Galeria, Monte Oliviero, Piansaccoccia, Camuccini.

Le zone interessate sono esclusivamente:

– Malborghetto (XV Municipio)
– Aree ex ente Maremma di Osteria Nuova (XV Municipio)
– Santa Maria di Galeria (XIV Municipio)
– Tragliatella (XIV Municipio)
– Piansaccoccia (XIV Municipio)
– Alcune aree del consorzio di Cerquette Grandi (XIV Municipio).

In particolare si fa presente che i quartieri di Labaro, Primavalle, Giustiniana, a differenza di quanto riportato da alcuni organi di stampa, non sono interessati dal provvedimento. Il provvedimento è stato adottato in base ad un principio di precauzione ed è volto ad intervenire su una situazione nota da molto tempo che riguarda la riqualificazione degli acquedotti rurali per adattare l’acqua erogata alla modifica dei parametri europei. L’agenzia regionale ARSIAL rende noto che da due anni sulle bollette delle proprie utenze è riportata la dicitura ‘acqua non potabile’. Come previsto dall’ordinanza l’ARSIAL provvederà ad assicurare il rifornimento alle utenze interessate a partire dalle prossime ore.

L’elenco di tutte le utenze interessate è disponibile a questo link

Per chiarimenti e informazioni supplementari contattare lo 060606.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, 500 utenze in aree rurali dei Municipi XIV e XV interessate dal divieto di utilizzo di acqua Roma, 500 utenze in aree rurali dei Municipi XIV e XV interessate dal divieto di utilizzo di acqua ultima modifica: 2014-03-02T17:08:27+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento