Firenze, torna il Mercatale il meglio della filiera corta

Domani e domenica in piazza della Repubblica torna il Mercatale di Firenze: un’occasione e da non perdere per conoscere e acquistare i migliori prodotti agricoli del nostro territorio, dal produttore al consumatore. Un appuntamento ormai tradizionale, dove 78 aziende agricole e 9 artigiani presentano il meglio della filiera corta.. E dunque, secondo la stagionalità, è possibile acquistare vino, olio, verdure, frutta, cereali, legumi, polli ed eccellenze toscane come lo zafferano, i tartufi, il fagiolo zolfino, il cecino rosa, la cipolla di Certaldo, il pollo del Valdarno, i marroni; oltre prodotti trasformati quali miele, salumi, formaggi, farine, biscotti. Tutti rigorosamente ‘dal produttore al consumatore’ e tutti di altissima qualità, per riscoprire la stagionalità della frutta e della verdura ed avere la certezza della loro provenienza.
Il Mercatale è un progetto promosso dal Comune di Firenze (assessorati all’Ambiente e allo Sviluppo economico, con il contributo della Regione Toscana) al quale aderiscono organizzazioni di categoria e associazioni dei produttori, insieme per “promuovere e valorizzare l’agricoltura del nostro territorio, valore fondamentale per la nostra economia e per la nostra identità culturale” spiega l’assessore all’Ambiente Caterina Biti.
Quello del 1° e 2 marzo è l’ultimo appuntamento del Mercatale in piazza della Repubblica: a partire da aprile infatti il mercato si trasferirà in piazza Santa Maria Novella.

Questo il calendario 2014:

Piazza della Repubblica:
Sabato 1 marzo – Domenica 2 marzo

Piazza Santa Maria Novella:
Sabato 5 aprile – Domenica 6 aprile
Sabato 3 maggio
Sabato 7 giugno
Sabato 5 luglio
Sabato 6 settembre
Sabato 4 ottobre
Sabato 8 novembre – Domenica 9 novembre
Sabato 6 dicembre – Domenica 7 dicembre – Lunedì 8 dicembre.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, torna il Mercatale il meglio della filiera corta Firenze, torna il Mercatale il meglio della filiera corta ultima modifica: 2014-02-28T10:40:57+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento