Reggio Calabria, minacce di morte al prefetto Gaetano Chiusolo

Missiva minatoria e di offese indirizzata al coordinatore della commissione prefettizia che sta amministrando il Comune sciolto nell’ottobre del 2012 per contiguità con la ’ndrangheta. Gli autori della lettera sarebbero due fantomatici fratelli disoccupati, disperati e nemici della politica che degenera nel clientelismo

Al Prefetto Chiusolo viene contestato di aver deciso di “sistemare in una società in house i non ex Lsu-Lpu della Multiservizi anche se sono stati assunti per volere dei boss della ’ndrangheta e anche se per legge agli stessi non tocca l’assunzione a livello pubblico perché non hanno fatto alcun concorso”.

Lascia un commento