Noto, l’Asinaro porta via la vita ad una bimba di sette anni e a due donne

Il maltempo si è spostato al Sud ed in particolare in Sicilia dove si registrano tre vittime. Si tratta di due donne e una bambina di 7 anni. L’utilitaria sulla quale si trovavano è stata travolta dalle acque di un torrente in piena per via delle abbondanti piogge. La tragedia è avvenuta in Contrada Romanello di Noto in provincia di Siracusa. Sette le persone a bordo di una Y10. Tra i superstiti anche la mamma della bimba di 7 anni che è annegata. Rientravano da una cena. Tre sono morti e quattro si sono salvati.

I quattro sopravvissuti alla tragedia di Siracusa appaiono molto provati ma non è stato necessario sinora ricorrere alle cure dei sanitari. Sono due donne e due uomini che vengono ascoltati dagli investigatori del commissariato della Polizia di Stato di Noto, che stanno ricostruendo nel dettaglio la dinamica dell’accaduto. I sette, cinque appartenenti a un nucleo familiare e due amici, avevano partecipato a una cena nella zona di Noto che si sarebbe protratta a lungo. Quando la vettura sulla quale viaggiavano tutti assieme, una Y10, stava percorrendo un ponticello che consente l’attraversamento del fiume Asinaro, sarebbe sopraggiunta l’onda di piena del corso d’acqua, che si era ingrossato per via delle abbondanti piogge della giornata. Due dei sette occupanti sarebbero stati subito sbalzati fuori dall’abitacolo, mentre altri due sarebbero riusciti ad abbandonare la vettura. La Y10 con a bordo le due donne e la bambina rimaste intrappolate all’interno avrebbe continuato la corsa in balia dell’onda di piena. Le operazioni di recupero dei tre cadaveri sono ancora in corso e vedono l’impiego delle squadre di pronto intervento del Vigili del fuoco.
9 su 10 da parte di 34 recensori Noto, l’Asinaro porta via la vita ad una bimba di sette anni e a due donne Noto, l’Asinaro porta via la vita ad una bimba di sette anni e a due donne ultima modifica: 2014-02-02T12:27:17+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento