Si cerca la reliquia di Giovanni Paolo II rubata

I tre uomini fermati per il furto sacrilego hanno collaborato nell’indicazione del posto dove si sono disfatti del pezzo di stoffa con il sangue del Pontefice. Dopo essere stati fermati e interrogati a lungo sono stati rimessi in libertà. La procura della Repubblica dell’Aquila non ha ritenuto che vi fossero elementi sufficienti per l’arresto. Il procedimento prosegue con gli indagati liberi.

Lascia un commento