Ambiente, Arpab e Fondazione Mattei avviano collaborazione

Questa mattina, nella sede centrale dell’Agenzia regionale per la Protezione dell’Ambiente, un team di esperti coordinati dalla biologa Maria Rosaria Corona ha incontrato la Fondazione Eni Enrico Mattei (Feem) “per avviare una proficua collaborazione scientifica tra le due Istituzioni attraverso la realizzazione di studi, ricerche e approfondimenti su tematiche ambientali di rilevante interesse per le comunità lucane”.
Lo rende noto la direzione dell’Arpab.
“L’Agenzia lucana per la Protezione ambientale e la Fondazione Eni Enrico Mattei – è scritto nella nota – si impegneranno nella produzione di materiale scientifico (brochure, opuscoli, pubblicazioni) e nella sua divulgazione alla popolazione, ai privati, agli addetti ai lavori ed al mondo scientifico- istituzionale. Domani 28 gennaio, invece, l’Arpa Basilicata e il Gal Cittadella del Sapere incontreranno i Comuni interessati ed alcune associazioni ambientaliste, tra cui “Libera”, per presentare il protocollo di intesa sul “Monitoraggio del fiume Noce”.
Oggetto del progetto sarà la valutazione quali-quantitativa dello “stato delle acque superficiali” ricadenti nel bacino idrografico del fiume Noce-Castrocucco, che comprende il fiume Noce stesso, il lago Sirino e il litorale marino in prossimità di Castrocucco.
In particolare per la classificazione delle acque del fiume in questione sono previsti campionamenti ed analisi sulla matrice ‘acqua’ e sui ‘sedimenti’ da realizzare anche in collaborazione con le scolaresche del territorio. L’Agenzia sottolinea la sensibilità e la determinazione dimostrate da tutti gli attori del territorio che hanno fortemente creduto e lavorato per la riuscita di questo come di altri importanti progetti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Ambiente, Arpab e Fondazione Mattei avviano collaborazione Ambiente, Arpab e Fondazione Mattei avviano collaborazione ultima modifica: 2014-01-27T17:56:28+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento