Firenze, Giorno della memoria lunedì l’assessora Giachi al Goldoni per l’iniziativa di Radio3

L’appuntamento è per lunedì sera al Teatro Goldoni. Radio3, in occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz) propone una diretta, dalle 20.30 alle 23, in una città italiana (per il 2014 Firenze), in cui la presenza ebraica è stata particolarmente significativa. Alla trasmissione, condotta da Guido Barbieri e Marino Sinibaldi, parteciperà anche l’assessora all’educazione Cristina Giachi.
Il viaggio della Memoria è il titolo di una serata ricca di testimonianze e di riflessioni che proporrà al suo interno anche uno spettacolo, prodotto in collaborazione con la Società Amici della Musica ‘Guido Michelli’ di Ancona, il Teatro Stabile delle Marche e la Comunità ebraica delle Marche, tratto dal romanzo Badenheim 1939 di Aahron Appelfeld.
Il melologo, intitolato Il vento, dopo l’ultimo treno, con musiche originali di Mauro Cardi eseguite dal vivo dal Freon Ensemble, avrà come voce recitante il grande attore Carlo Cecchi.
Filo conduttore di un appuntamento, in cui si intrecceranno riflessioni e ricordi, sarà quest’anno il tema del viaggio, in particolare quello in convogli ferroviari piombati che con tanta frequenza compaiono nelle memorie dei sopravvissuti della Shoah e che costituiscono per ognuno di noi immagini indelebili.
Saranno ospiti della serata gli ex deportati Andra e Tatiana Bucci, Antonio Ceseri e Marcello Martini, e Federico Benadì, ebreo fiorentino, scampato alla Shoa. Con loro gli storici Marta Baiardi, Giovanni Gozzini e l’antropologo Ugo Caffaz, ideatore e coordinatore del ‘Treno della memoria’ della Regione Toscana.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, Giorno della memoria lunedì l’assessora Giachi al Goldoni per l’iniziativa di Radio3 Firenze, Giorno della memoria lunedì l’assessora Giachi al Goldoni per l’iniziativa di Radio3 ultima modifica: 2014-01-25T18:28:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento