Firenze, occupazione lampo in via di Servi sgombero nel primo pomeriggio

Occupazione lampo questa mattina in via dei Servi. Una trentina di persone, di nazionalità marocchina e rumena tra cui una decina di minori, è entrata in un immobile di proprietà privata. Gli occupanti intorno alle 9.30 hanno occupato l’edificio, vuoto e in corso di ristrutturazione, con il supporto degli aderenti del Movimento di lotta per casa presenti in gran numero e che hanno dato vita a una manifestazione in via dei Servi. Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine (una quarantina tra agenti della polizia di stato e carabinieri) e personale dei servizi sociali del Comune, oltre alla polizia municipale impegnata nel controllo delle strade limitrofe.
Intorno alle 14.30 l’intervento di sgombero da parte delle forze dell’ordine, dopo che era stato rifiutato un tentativo di mediazione per un’uscita volontaria con l’offerta da parte dei servizi sociali di soluzioni alternative per le mamme con minori.  L’intervento è deciso dopo la presentazione della denuncia da parte della proprietà e con l’assenso della magistratura.
Dopo aver superato qualche resistenza da parte degli aderenti del movimento di lotta per casa a presidio dell’ingresso, gli agenti delle forze dell’ordine sono entrate nell’edificio invitando gli occupanti ad abbandonare l’immobile. Le persone sono quindi uscite spontaneamente senza resistenza.
“Ancora una volta tutti siamo riusciti a bloccare sul nascere un nuovo tentativo di occupazione senza problemi dal punto di vista dell’ordine pubblico – dichiara la vicesindaco Stefania Saccardi -. Ringrazio il prefetto, il questore e il comandante dei carabinieri per la collaborazione che ha reso possibile l’esito positivo di questa vicenda”.
9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, occupazione lampo in via di Servi sgombero nel primo pomeriggio Firenze, occupazione lampo in via di Servi sgombero nel primo pomeriggio ultima modifica: 2014-01-19T16:57:32+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento