Gioia Tauro, sotto chiave i beni di Girolamo Magnoli e Paolo Schimizzi

Eseguiti due distinti provvedimenti, uno di sequestro e l’altro di confisca di beni, per un valore di due milioni di euro. A Reggio Calabria sono stati sequestrati alcuni immobili riconducibili ad un esponente della cosca di ‘ndrangheta dei “Tegano”, Paolo Schimizzi, 37 anni, ritenuto l’autore di un attentato esplosivo ai danni di un esercizio commerciale.

A Gioia Tauro è stata confiscata una villa con piscina che si estende su una superficie di 5 mila mq e che era nella disponibilità di Girolamo Magnoli, 34 anni, accusato di essere a capo di un’organizzazione transnazionale, dedita al traffico di sostanze stupefacenti importate dalla Francia e smerciate in diverse regioni italiane.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gioia Tauro, sotto chiave i beni di Girolamo Magnoli e Paolo Schimizzi Gioia Tauro, sotto chiave i beni di Girolamo Magnoli e Paolo Schimizzi ultima modifica: 2014-01-18T12:20:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento