Michael Jackson, omicidio involontario confermata la condanna per Conrad Murray

La corte d’appello del secondo distretto della California ha giudicato che le “false dichiarazioni” del medico e i suoi “sforzi per ripulire la camera” di Jackson prima dell’arrivo della polizia, “sono la prova di colpevolezza”.

La corte ha confermato la condanna a 4 anni del medico di Michael Jackson, Conrad Murray, per omicidio involontario. L’uomo, condannato nel 2011, sosteneva che le prove contro di lui erano insufficienti.

Lascia un commento