Rimozione Crocifisso, Basilicata terra di accoglienza

“Apprendiamo con gioia che si è risolta positivamente la querelle tra il neo assessore Franconi e il consigliere Santarsiero “il crocifisso rimane nella stanza dell’assessore”. Un grazie a Vito Santarsiero. All’assessore invece vorremmo brevemente illustrare un po’ di storia dei Lucani per meglio orientarla sulle scelte.
Da sempre la Basilicata è stata terra di accoglienza, da sempre nei nostri luoghi pubblici si è garantito il democratico esercizio della libertà di religione senza mai pensare di eliminare dalle pareti il Crocifisso che è storicamente simbolo di libertà e di accoglienza”. Ad affermarlo il consigliere regionale di ‘Fratelli d’Italia’, Gianni Rosa, e l’esponente di ‘Officina Basilicata’ Marina Buoncristiano, i quali precisano che “ovviamente rispettiamo, in nome dell’inclusione, le più intime scelte religiose dell’assessore Franconi e sommessamente Le consigliamo di cambiare rapidamente passo”.

“E’ stata chiamata qui, in Basilicata – sottolineano Rosa e Buoncristiano – per “fare”, un fare rivolto al bene dei Lucani e per bene intendiamo provvedimenti mirati al miglioramento della sanità pubblica, del welfare, della qualità della vita delle famiglie lucane. Non certo è stata chiamata per occuparsi delle anime, per quel compito sono state chiamate altre persone molto più competenti ed autorevoli dell’Assessore stesso”.
“Come gesto del “fare”- concludono Rosa e Buoncristiano – non va bene”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rimozione Crocifisso, Basilicata terra di accoglienza Rimozione Crocifisso, Basilicata terra di accoglienza ultima modifica: 2014-01-14T03:03:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento