Vergiate, Cristina Lonardoni morta per un’intossicazione di monossido di carbonio

101

La donna di 52 anni è deceduta a seguito di una fuga di gas sprigionato da una caldaia difettosa nella sua casa a Vergiate. La vittima è Cristina Lonardoni, madre di Elisabetta Ballarin, detenuta nel carcere di Brescia dopo una condanna per i delitti della setta delle Bestie di Satana, avvenuti tra il 1998 e il 2004 nel Varesotto.

Detenuta in regime di semi libertà per motivi di studio e di lavoro, Elisabetta Ballarin ha ricevuto la notizia della morte della madre dai parenti e dal suo legale Francesca Cramis.

Cristina Lonardoni è morta a causa di un incidente. Sul corpo della della donna verrà comunque eseguita l’autopsia.