Lamezia Terme, confiscati 50 milioni all’imprenditore Giuseppe Trichilo

L’uomo di 37 anni è stato condannato per reati aggravati dalle modalità mafiose, nell’ambito dell’operazione antimafia “Crimine”. Oggetto della confisca sono diversi compendi aziendali, costituiti da beni immobili ubicati a Lamezia Terme; numerosi beni mobili e rapporti finanziari, precedentemente sequestrati dagli uomini della D.I.A. di Catanzaro, in esecuzione del provvedimento di sequestro emesso, nel gennaio 2012, dal Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione di Reggio Calabria.

Giuseppe Trichilo, imprenditore del settore edile, è stato arrestato nell’operazione Crimine condotta contro le cosche calabresi dalle Dda di Reggio Calabria e Milano con l’arresto di oltre 300 persone. Il provvedimento di sequestro portato a compimento nel 2012 riguardava il capitale sociale ed intero compendio aziendale della “Edil Trichilo srl” con sede a Lamezia Terme dedita alla fabbricazione di strutture e parti assemblate metalliche ed al commercio di materiale da costruzione; capitale sociale ed intero compendio aziendale della “Ct Costruzioni srl”, con sede a Falerna e dedita alla costruzione di edifici residenziali; il 50% del capitale sociale e del corrispondente compendio aziendale della “Magma srl” con sede a Lamezia Terme e dedita alla compravendita, locazione, gestione e amministrazione di beni immobili di qualsiasi specie e tipo; il 50 per cento del capitale sociale e del corrispondente compendio aziendale della “Caraffa Costruzioni srl” con sede a Gizzeria dedita alla costruzione di edifici, strade ed autostrade; nonché decine di beni immobili, autovetture e mezzi industriali e svariati rapporti finanziari.

La Dia di Catanzaro ha eseguito rigorosi accertamenti che hanno riguardato, per un arco temporale compreso tra il 1998 ed il 2009, tutti i cespiti riconducibili a Trichilo, l’analisi dei bilanci aziendali, copiosa documentazione bancaria, allo scopo di documentare, tra l’altro, la sproporzione tra il reddito dichiarato ai fini delle imposte dirette e le attività economiche esercitate.
9 su 10 da parte di 34 recensori Lamezia Terme, confiscati 50 milioni all’imprenditore Giuseppe Trichilo Lamezia Terme, confiscati 50 milioni all’imprenditore Giuseppe Trichilo ultima modifica: 2014-01-08T10:32:57+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento