Potenza, consiglio comunale ad hoc su Trenitalia

“Non bastano più le parole del sindaco di Potenza che ancora una volta ha scritto ai vertici della società. Non basta più lamentarsi perchè ai cittadini ed al nostro territorio servono risposte concrete. Per questo non si deve escludere anche la rescissione del contratto con Trenitalia e la richiesta dei danni che, è necessario verificare, se superino o meno il costo pagato alla società per garantire il servizio di trasporto in Basilicata”. Così il consigliere al Comune di Potenza, Giuseppe Molinari (opposizione), che ha annunciato la richiesta di un consiglio comunale ad hoc “al quale invitare i consiglieri comunali ed i sindaci dei comuni interessati dai disagi provocati da Trenitalia, la Regione Basilicata e tutti i parlamentari lucani così da decidere insieme come recuperare il tempo perduto e rendere produttivo l’investimento della Regione Basilicata committente di Trenitalia senza, però, avere in cambio un buon servizio”
”E’ urgente, inoltre, sapere – ha aggiunto Molinari – a quanto ammontano le multe che la Regione ha fatto a Trenitalia per i diversi, continui ed intollerabili disservizi. Non vorremmo venire a sapere che le risorse date dalla Regione Basilicata riescano anche a coprire le multe per i disservizi visto che la società di trasporto sembra non temere affatto le possibili sanzioni. I soldi spesi per mantenere il trasporto ferroviario potrebbero essere utilizzati per promuovere altre soluzioni”.
“Nel corso del consiglio comunale, di cui chiederò la convocazione, bisognerà presentare proposte concrete valutando ogni ipotesi purchè si dia una risposta ai cittadini ma anche un ultimatum a Trenitalia affinchè capisca che è ora -conclude Molinari- di prendere sul serio le parole ed il il malumore dei lucani e di chi li rappresenta”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Potenza, consiglio comunale ad hoc su Trenitalia Potenza, consiglio comunale ad hoc su Trenitalia ultima modifica: 2014-01-04T18:09:27+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento