Milano, messa in sicurezza Cascina Campazzo con 10 mila piante nel parco Ticinello

“Come promesso, entro la fine del mese partiranno i lavori per la messa in sicurezza della cascina Campazzo da parte del Comune, che la possiede a titolo di comodato gratuito fino al 2015”. Lo ha dichiarato la vicesindaco con delega all’Urbanistica, Edilizia privata e Agricoltura Ada Lucia De Cesaris.

“La cascina Campazzo – ha proseguito De Cesaris – è stata oggetto di un lungo contenzioso con la proprietà Ligresti, che non ha mai voluto fare i lavori di riqualificazione ostacolando lo sviluppo della attività e della funzione agricola. Un intervento più complessivo di ristrutturazione della cascina sarà possibile solo dopo la conclusione dell’iter di esproprio, già avviato dal Comune, per il quale proprio recentemente il TAR ha confermato la dichiarazione di pubblica utilità, consentendo, così, il prosieguo del procedimento”.

“Il recupero della cascina Campazzo, dove da sessant’anni vive e lavora la famiglia di Andrea Falappi, presidente del Distretto agricolo milanese, si affianca all’avvio dei lavori per la realizzazione del parco Ticinello. Si concretizza così il progetto di riqualificazione di questa area del Parco Sud, con l’obiettivo di integrare e valorizzare la produzione agricola con lo sviluppo e la tutela del territorio. Speriamo presto di poter finanziare anche la seconda parte del parco Ticinello e avviare il recupero della cascina Campazzino”.

Il primo lotto del parco Ticinello (350 mila mq.) è stato finanziato dalla Giunta comunale pochi mesi fa. Entro primavera partiranno le piantumazioni di 10 mila alberi e arbusti. Si tratta dei primi passi concreti per la realizzazione del grande parco agricolo che gli abitanti e gli agricoltori della zona attendono da oltre un decennio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, messa in sicurezza Cascina Campazzo con 10 mila piante nel parco Ticinello Milano, messa in sicurezza Cascina Campazzo con 10 mila piante nel parco Ticinello ultima modifica: 2014-01-03T17:16:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento