Torino, città affollata di turisti festeggia il Capodanno in piazza San Carlo

“Durante queste feste natalizie Torino è baciata dal bel tempo ma non solo! Secondo l’Osservatorio di trivago.it risulta che la nostra città è tra le mete più ricercate dagli italiani e dagli stranieri per questo Capodanno, dati che confermano il trend positivo di Natale. Inoltre Trivago indica Torino tra le destinazioni più ricercate sul web dagli stranieri. Sono quindi molto contento che ai tantissimi turisti che hanno scelto di trascorrere qui le loro vacanze la capitale sabauda stia regalando il suo volto migliore. Passeggiando in centro è facile imbattersi in lunghe e ordinate code davanti ai musei: alla Gam, che ospita anche le opere di Renoir; a Palazzo Madama per ammirare anche il San Giuseppe Senza Barba di Raffaello; al Museo Egizio, al Museo Nazionale del Cinema, al Museo dell’Auto, del Risorgimento e a tutti gli altri.

È il risultato di un’intensa e pluriennale attività della nostra città che ha creduto – e crede sempre più – nell’offerta culturale come una delle leve strategiche per garantire al territorio un ritorno di carattere economico. Secondo un’indagine della Camera di commercio, a fronte di una delicata recessione economica, gli unici settori che registrano un incremento, per numero di aziende e di occupati, sono proprio quelli turistico-culturali. Anche il concerto di stasera in piazza San Carlo confermerà la grande voglia di partecipazione che anima i torinesi e chi in questi giorni visita la città. Attenderemo il nuovo anno ballando sulle note di Giuliano Palma e della sua orchestra. A tutti i miei più cari auguri!”

E’ quanto scrive in una nota Maurizio Braccialarghe, Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della Città.

9 su 10 da parte di 34 recensori Torino, città affollata di turisti festeggia il Capodanno in piazza San Carlo Torino, città affollata di turisti festeggia il Capodanno in piazza San Carlo ultima modifica: 2013-12-31T15:36:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento