In Umbria benzina meno cara da gennaio tolta l’accisa introdotta per la ricostruzione del Marscianese

Dal primo gennaio 2014 costerà  meno fare il pieno di carburante in Umbria,  con un risparmio di 2,5 centesimi per ogni litro di benzina. La Regione Umbria ha infatti abolito l’applicazione dell’imposta regionale sulla benzina introdotta nel 2011 per finanziare la ricostruzione nelle zone del marscianese (comuni di Marsciano, Collazzone, Deruta, Fratta Todina) colpite dal terremoto del 2009.

   Il prelievo, inizialmente fissato in 4 centesimi di euro al litro per il 2012 e successivamente ridotto per il 2013 a 2,5 centesimi di euro per litro, è stato ora totalmente annullato.

   Sno stati dunque rispettati gli impegni assunti dalla Giunta regionale e indicati nel provvedimento con cui è stata introdotta l’imposta secondo una modalità contenuta nel cosiddetto “Milleproroghe” per i territori in stato di emergenza a seguito di calamità naturale e adottata anche in altre Regioni. L’atto di solidarietà, richiesto a tutta la comunità regionale, ha consentito di avviare velocemente in Umbria i primi interventi di ricostruzione nelle aree colpite dal sisma. Il gettito dell’imposta, pari a 6,7 milioni di euro nel 2012 e circa 4 milioni nel 2013, è stato destinato ad interventi rivolti in particolare al rientro nelle abitazioni private e alla ripresa delle attività produttive.

  Con l’abolizione dell’imposta regionale sulla benzina prosegue l’azione dell’Amministrazione regionale per ridurre la pressione fiscale sui consumatori umbri. La Regione Umbria, infatti, è tra le Regioni italiane che hanno le tasse regionali più basse in quanto non ha utilizzato, se non in minima parte, le leve fiscali a disposizione.

9 su 10 da parte di 34 recensori In Umbria benzina meno cara da gennaio tolta l’accisa introdotta per la ricostruzione del Marscianese In Umbria benzina meno cara da gennaio tolta l’accisa introdotta per la ricostruzione del Marscianese ultima modifica: 2013-12-30T15:39:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento