Torino, Capodanno in piazza San Carlo con Garden Of Alibis, Giuliano Palma e Dj Set dei Mostricci

Una lunga notte di musica e balli sfrenati per salutare insieme l’arrivo del nuovo anno.

Nella splendida cornice di piazza San Carlo, cuore della città, alle ore 22.30 i giovani torinesi Garden Of Alibis, protagonisti nell’estate di un fortunatissimo tour, scalderanno il pubblico con il loro soft rock elettronico.

Toccherà a Giuliano Palma, interprete dalla voce soul dei Casino Royale e poi leader dei Bluebeaters, e alla sua inedita Orchestra, resident band dell’edizione 2013 di Zelig, il countdown verso il 2014, con i più grandi successi della musica italiana e internazionale rivisitati in chiave tutta da ballare: dal rockabilly allo ska, dal rocksteady al reggae.

Una festa di note che non conoscono età: da ‘Pensiero d’amore’ a ‘Tutta mia la città’, da ‘Che cosa c’è’ alla sfrenata ‘Messico e nuvole’, l’occasione imperdibile per lasciarsi trascinare dalla straordinaria voce di Giuliano Palma in un viaggio capace di mettere d’accordo tutte le generazioni.

E per gli irriducibili, la musica continua con il dj set dei Mostricci of Sound, noti animatori delle notti torinesi, che alterneranno in consolle hip hop, reggae, anni ‘80, ska, rock, italotrash, anni ‘90, drum‘n’bass, hits, new wave, indie modaiolo in un mix esplosivo.

GIULIANO PALMA BIOGRAFIA

Milano, 1987. Un gruppo di musicisti dalle più svariate influenze decide di formare una band e di darsi un nome ispirato alla famosa saga di Ian Fleming. Il nome della band è Casino Royale, quello del suo cantante Giuliano Palma. Un’alchimia particolare di personalità e inclinazioni, passioni e ideali ha permesso alla band di lasciare un segno e a Giuliano, in particolar modo, di crescere ed evolversi come musicista. Il 1999 è un anno di svolta per Giuliano Palma, che sceglie la vita da solista, lascia i Casino Royale, di cui era uno dei membri fondatori, e si dedica al suo side – project, i Bluebeaters. I Bluebeaters sono una live band di musicisti provenienti da altri gruppi come Fratelli di Soledad, Africa Unite e Casino Royale, appassionati di rocksteady giamaicano e soul americano, che reinterpretano meravigliosi brani d’autore e sconosciuti al grande pubblico. Nel 2000 esce l’album ufficiale dei Bluebeaters conosciuto con il nome di The Album che viene premiato con il disco d’oro. Gino Paoli chiama Giuliano per poter partecipare a due cover Domani e Che cosa c’è, cosa che avverrà e verrà inserita nella ristampa del disco nel 2000, mentre nel 2001 esce un disco dallo spirito nostalgico ma molto contemporaneo allo stesso tempo, tratto dai concerti della band “Wonderful Live”. Nel 2002 esce il primo vero album da solista GP Gran Premio da cui sono stati estratti due singoli (con relativi videoclip): Musica di musica e Viaggio solo. Il risultato è un disco curato, di raffinata sonorità soul al funk, al rock, al reggae e al R&B, il tutto scritto e prodotto da Giuliano e La Pina. Nel 2005 esce Long Playing, il secondo album per i Giuliano Palma & the Bluebeaters, che ottiene un altro disco d’oro. Le 22 tracce in esso contenute sono un vero concentrato di energia e originalità a conferma dello stile unico ed inconfondibile della band, il disco vende oltre 38mila copie. Nell’ottobre 2007 esce “Boogaloo”, il disco contiene “Testarda Io” di Iva Zanicchi, “Pensiero D’amore” (di Mal) e il singolo “Tutta Mia La Città” (Equipe 84). Proprio il brano “Tutta mia la città” arriva il settimo posto del Music Control mentre l’album, nella prima settimana di pubblicazione, raggiunge la nona posizione della classifica ufficiale. Nel 2009 partecipa da solista insieme ai maggiori esponenti della musica italiana, sotto il nome di Artisti Uniti Per L’Abruzzo al singolo Domani 21/04.09 e collabora con Nina Zilli nel suo singolo d’esordio 50mila. A novembre 2009 esce il nuovo album dei Bluebeaters: Combo. Le novità sono parecchie. Un’orchestra da 18 elementi, per esempio, e per la prima volta ingaggiata a fiancheggiare Giuliano “the king” e la sua band. Poi, quattro-canzoni-inedite, a conferma delle potenzialità espressive della coppia Giuliano Palma + Fabio Merigo (chitarrista, produttore, compositore, o per dirla con Giuliano «un maestro di musica») in quanto a scrittura («la novità è proprio questa nostra voglia di scrivere musica»). Nel 2011 collabora con Caro Emerald al singolo Riviera Life. Venerdì 12 febbraio 2012 durante il Festival di Sanremo duetta insieme con Nina Zilli al brano Per sempre. Nel luglio 2012 collabora con Club Dogo al singolo P.E.S. che diventa la hit dell’estate e guadagna il disco di platino digitale. A gennaio 2013 inizia l’impegno a Zelig Circus accompagnato da una formazione inedita, la Giuliano Palma Orchestra. Tre gli interventi affidati al cantante: la celebre sigla iniziale, Demasiado Corazon, dal nuovo sapore rockabilly, il momento centrale del programma dedicato alla musica e il pezzo di chiusura, The Marvin Boogaloo, che accompagna i saluti dei conduttori.

GARDEN OF ALIBIS – STEFANO DUGHERA, ANDREA DUTTO, GIACOMO FELICIOLI, VLADIMIRO ORENGO

“Colours”, l’album d’esordio dei Garden of Alibis, esce il 31 Maggio 2012 in allegato a XL di Repubblica. Ne vengono distribuite circa 70.000 copie. Nei mesi estivi parte il primo tour, che tocca Piemonte, Lazio e Puglia in Italia, per poi spostarsi a Bruxelles, Parigi e Berlino. Nel Settembre 2012 i Garden of Alibis partecipano, con il progetto “Rock Marathon”, alla Social Media Week europea, suonando a Berlino, Glasgow, Londra, Barcellona e Torino in soli 5 giorni. Il primo singolo estratto dall’album è WICAYO, che i Motel Connection hanno interpretato in un remix incluso nelle dodici tracce. Durante l’estate la band è stata inserita tra i nuovi artisti di “MTV Just Discovered”. Il 30 Maggio 2013 i Garden of Alibis sono stati scelti per suonare come supporter dei Kasabian nella loro unica data italiana, a Milano in piazza del Duomo. Il giorno successivo viene presentato “Cold Heart”, il singolo che anticipa l’uscita del secondo album della band. A giugno è partito l’Homeless Tour, un progetto ideato dai Garden of Alibis che consiste in una serie di live interamente svolti nelle case dei fan. Il tour è supportato da Casa Bacardi. I Garden of Alibis sono tra i fondatori del collettivo musicale torinese WOODU!, assieme a Foxhound, JoyBeat, Dropp e Grey Moquettes.

MOSTRICCI

I Mostricci of Sound nascono nella torrida estate del 2003 in quel del Csa Murazzi dall’incontro tra il Tigre ed Alessio, due dj’s entrambi provenienti da una radio indipendente torinese. Con l’arrivo dell’autunno diventano i resident dj’s e direttori artistici del martedì notte dello storico circolo arci Giancarlo sempre ai Murazzi. Ben presto il martedì Mostriccio diventa una delle serate più deliranti del circuito “alternativo” torinese; numerosi sono i dj’s e sound system che vengoni ospitati, da realta underground ad artisti affermati. Nel frattempo non disdegnano di suonare a rave e matrimoni. Il dj set dei Mostricci alterna: hip hop, reggae, ’80, italotrash, so’90, drum’n bass, Mtv fake hits, dancehall, new wave, indie modaiolo…mixati con incoerenza ma adatti a far esplodere i dancefloor. Hanno condiviso la consolle con: Soulful, Rollers inc, Toretta Style, Cato & Bunna, Zisco Fran, Andrea Aureli, Samuel & Pisti, Ninja, Lovely Valentina, Casabrasa, Youthman, Veronika Logan, Fratelli Sberlicchio, Marina & Papa Leu & Rankin Lele, Mado che Crew, Mr. T-Bone, Paolone Aka, Dj Tubo, TuryMegaZeppa, Gigawave, Alioscia, Miraflowers, Mara, Naska, Peggy Galante, Xanax Party, Andrea Pomini, Yellow Zone, Black Milk, Dj Sakko, Mc Victor, Groove Yard Sound System, Kumina Beat, Vallento Posse, Rastafari Resistence, Arsenico, Raggattive, Chaka Nano, Guido Savini, Dot Vibes, Maison Criminaux, Video Fakers. Tra i party più deliranti: i martedì da Giancarlo, Aftershow Traffic Festival (2005 & 2006), Combocut@The Beach, Compleanni Csoa Askatasuna,i Trash Party e il GayPride al Csa Murazzi, i venerdì notte al Babylonia@Cancello di Biella, matrimoni e feste di piazza, occupazioni di Palazzo Nuovo, Puddhu Bar, Xo Club, Barcode, Le Macabre, Sacripante, Palavigorelli (Mi), Zona Bandita (Ve).

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento