Pontorno e il suo seguito nelle Terre d’Empoli

La città di Empoli celebra, con la mostra Pontormo e il suo seguito nelle terre d’Empoli, uno dei massimi pittori italiani del Cinquecento, Jacopo Carucci, detto il Pontormo, nato nel borgo di Pontorme, a Empoli, nel 1494.

L’importante evento culturale, che verrà inaugurato il 29 novembre alle 17, e sarà visibile fino al 2 marzo 2014, vuole essere il fil rouge che collega tutti quegli artisti che ebbero in Pontormo un modello da seguire, e che hanno lasciato un segno tangibile nel nostro territorio.

La mostra è inserita nella collana “La città degli Uffizi” diretta da Antonio Natali – direttore della Galleria degli Uffizi e curatore scientifico della Casa del Pontormo – ed è curata da Cristina Gelli, coadiuvata da alcuni storici dell’arte empolesi: Belinda Bitossi, Emanuele Castellani, Marco Campigli e David Parri. I luoghi espositivi dell’esposizione sono la Casa del Pontormo, la Chiesa e la Compagnia di San Michele arcangelo.

La mostra nasce con lo scopo di celebrare il Pontormo nel suo luogo natio, non solo aprendo ad un più vasto pubblico la sua ‘casa’, ma anche mostrando l’eredità culturale che ha lasciato nel territorio empolese. Il legame con la Galleria degli Uffizi – presupposto necessario perchè la rassegna sia annoverata nella collana “La città degli Uffizi “ –  è stabilito non solo dalla pontormesca Madonna del libro, che da qualche anno è in deposito dagli Uffizi nella Casa del Pontormo, ma anche dalla bellissima tela raffigurante il Sant’Eligio di Jacopo da Empoli, detto l’Empoli, pittore la cui famiglia era originaria della nostra città.

“Sono lieta di presentare questa mostra che celebra un nostro concittadino illustre”, ha affermato il sindaco di Empoli Luciana Cappelli. “L’esposizione, fortemente voluta dalla nostra amministrazione, è scaturita dalla fertile collaborazione con Antonio Natali per la prestigiosa collana “La città degli Uffizi”, grazie alla cura scientifica di Cristina Gelli e al contributo di alcuni storici dell’arte empolesi, e al supporto degli uffici competenti del Comune di Empoli. Si tratta di un percorso culturale, che, attraverso luoghi a noi cari, a partire dalla Casa natale del Pontormo, si snoda fino alla Chiesa e alla Compagnia di San Michele arcangelo, dove è custodita la pala con San Giovanni evangelista e San Michele, realizzata dall’artista per i suoi concittadini. Questa mostra, dunque, potrà essere una nuova occasione di riflessione per noi empolesi e una bella scoperta per i turisti. Si profila dunque un itinerario ‘nel tempo’, sugli influssi del Pontormo, la cui eco giunge fino ai nostri giorni, rappresentati dall’installazione di Marco Bagnoli, collocata al primo piano della Casa del Pontormo”.

“Finalmente ‘La città degli Uffizi’ tocca Empoli. Da tempo se ne ragionava; ma le condizioni sono maturate solo in quest’anno 2013”, ha sottolineato Antonio Natali. “L’occasione è stata offerta dalla mostra che sarà aperta l’anno venturo a palazzo Strozzi, titolata Pontormo e Rosso. Divergenti vie della ‘maniera’. L’esposizione empolese, con poche opere – però sapientemente selezionate –, riesce a dar conto sia delle virtù magistrali del Pontormo che dell’influenza a gittata lunga esercitata dalla sua espressione nei luoghi intorno al suo natio. Di nuovo un’Amministrazione comunale prende animo e coraggiosamente forza la mano alla crisi per un’impresa culturale volta all’educazione e alla maturazione della coscienza storica della gente. In questo caso: di Pontorme e d’Empoli”.

“Le opere esposte nella Casa del Pontormo, nella Chiesa e nella Compagnia di San Michele arcangelo – ha sottolineato Cristina Gelli, curatrice della mostra – aspirano a dar conto dell’eredità del magistero di Jacopo Carucci su alcuni artisti, la cui attività trova espressione nel territorio empolese. La mostra ruota

attorno ai due santi, Giovanni evangelista e Michele arcangelo, dipinti da Jacopo per “gli uomini di Puntormo” intorno al 1519 e conservati, da quel momento, all’interno della chiesa ad incorniciare un’immagine venerata. Nella Casa del Pontormo, oltre ai disegni di Jacopo raccontano dei suoi primi anni di formazione nella bottega di Leonardo, è conservata, ormai dal 2006, la Madonna del libro. Essa è inizio e fine, al tempo stesso, della mostra. Esposta in quelle stanze che videro Jacopo bambino (stanze che ancora oggi sono fedeli custodi di memorie intime e segrete), trae dall’attuale collocazione forza e alimento. Ci fa partecipi di una vita privata, di antichi affetti, di moti dell’animo, di un bagaglio di sentimenti, che pur sempre vivono nella corrispondenza tra chi va e chi resta”.

LUOGHI DELLA MOSTRA: Casa natale del Pontormo, acquisita dal Comune di Empoli nel 1994 e restituita alla pubblica fruizione nel 2006 nell’ambito delle“Case della memoria” e centro didattico per i beni culturali. Qui troviamo anche laboratori educativi per gli alunni e una nuova sala multimediale. La mostra poi prosegue nella Chiesa e nella Compagnia di San Michele arcangelo, dove è custodita la pala di San Giovanni evangelista e San Michele arcangelo, realizzata dall’artista per i suoi concittadini pontormesi.

GLI ARTISTI: si tratta di pittori che, a vario titolo, in momenti diversi – nella seconda metà del Cinquecento fino ad arrivare agli esordi del secolo successivo – hanno guardato a Pontormo, secondo ottiche differenti: chi desumendone direttamente, chi traendone spunti linguistici.

Si tratta di artisti noti anche al grande pubblico come il Bronzino e Jacopo da Empoli, altri meno noti, ma altrettanto importanti come Naldini e Macchietti, conosciuti tra l’altro per aver preso parte all’impresa della decorazione dello Studiolo di Francesco I in Palazzo Vecchio. I disegni del Pontormo, esposti nella ‘Casa’, oltre a testimoniare l’importanza del disegno nell’arte dell’artista, faranno luce sui rapporti tra lui e Leonardo.

INAUGURAZIONE: Venerdì 29 novembre 2013, ore 17. Partecipano don Martin Usen Akpan, parroco della Chiesa di San Michele arcangelo, Luciana Cappelli, sindaco di Empoli, Antonio Natali, Curatore scientifico della Casa del Pontormo, Vittorio Bugli, assessore alla Presidenza della Regione Toscana, Andrea Barducci, Presidente della Provincia di Firenze, Alessandra Marino, Soprintendente BAPSAE per le Province di Firenze, Pistoia e Prato, Pierluigi Rossi Ferrini, Vice Presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Cristina Gelli, Curatore della mostra.

INFO MOSTRA

Luoghi

Empoli, via Pontorme 97, Casa natale dell’artista, Pontorme; piazzetta San Michele arcangelo, Chiesa di San Michele e attigua Compagnia di San Michele, Pontorme.

Orario mostra

Da martedì a sabato 10-17; domenica 14-18; Lunedì chiuso.

Aperti 8 dicembre e 6 gennaio 14-18; il 24 e 31 dicembre 10-13; chiuso il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Biglietti mostra

Intero € 6

Comprendente: visita della mostra; visita del Museo della Collegiata di Sant’Andrea e MUVE.

Ridotto € 3

Gruppi di oltre 15 persone; adulti con ragazzi entro i 18 anni; persone oltre i 65 anni; possessori Cartagiovani; correntisti CRF; soci Unicoop Firenze, Enti, Associazioni e Gruppi convenzionati; possessori biglietto Terre del Rinascimento.

Ridotto speciale € 1,50

Bambini e ragazzi da 8 a 18 anni; gruppi scolastici.

Ingresso gratuito

Bambini fino a 8 anni; istituti scolastici empolesi; accompagnatori turistici e guide; insegnanti accompagnatori di scolaresche; disabili e accompagnatori.

Costo visite didattiche per richieste di gruppi max. 15 persone : € 60,00.

Informazioni e prenotazioni (solo visite didattiche)

Informazioni e biglietteria: Casa del Pontormo, Tel. + 39 0571 994346

Prenotazioni visite didattiche (entro 5 giorni prima dalla data richiesta): Servizio Cultura, Giovani e Sport, e-mail: cultura@comune.empoli.fi.it, tel. + 39 0571 7577-29; 23, fax +39 0571 757976.

CONTATTI

www.casapontormo.it; www.terredelrinascimento.it; www.casedellamemoria.it; www.comune.empoli.fi.it/pontormo

www.inempoli.it; Facebook.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pontorno e il suo seguito nelle Terre d’Empoli Pontorno e il suo seguito nelle Terre d’Empoli ultima modifica: 2013-12-28T02:21:03+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento