Beirut, autobomba nei pressi del Four Seasons ucciso Muhammad Shatah

Tra le cinque vittime c’è il braccio destro dell’ex Premier Saad Hariri. L’esplosione è avvenuta intorno alle 9.40 locali in piazza Starco, nel pieno centro turistico-finanziario di Beirut. L’ex ministro libanese ucciso nell’attentato a Beirut, Muhammad Shatah, era il braccio destro dell’ex premier Saad Hariri e leader dell’opposizione parlamentare vicina all’Arabia Saudita e ostile agli Hezbollah e all’intero asse filo-iraniano in Libano e nella regione. Shatah aveva ricoperto la carica di ambasciatore libanese negli Stati Uniti e consigliere dell’ex premier Fouad Siniora. Ultimamente l’ex ministro era stato incaricato di gestire a Beirut le relazioni politiche e con i media per conto di Hariri, da tempo residente all’estero per timore di esser ucciso nel suo Paese. Pochi minuti prima di essere ucciso, Shatah aveva scritto sul suo profilo Twitter un commento molto duro nei confronti del regime siriano e degli Hezbollah, alleati dell’Iran. Shatah è morto mentre si trovava a bordo della sua auto, diretto a una riunione della coalizione dell’opposizione parlamentare in un palazzo poco lontano dal luogo dell’esplosione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Beirut, autobomba nei pressi del Four Seasons ucciso Muhammad Shatah Beirut, autobomba nei pressi del Four Seasons ucciso Muhammad Shatah ultima modifica: 2013-12-27T09:25:13+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento