Firenze, SS Annunziata documentazione fotografica sui nomadi che si sono stabiliti nella piazza

“Le fotografie che abbiamo scattato negli ultimi mesi non lasciano spazio a dubbi: la situazione in piazza Santissima Annunziata è ormai da tempo fuori controllo, e dal danno di immagine per uno dei luoghi più belli di Firenze siamo ormai al rischio igienico-sanitario. Manderemo la documentazione al Prefetto Varratta e valuteremo le modalità per coinvolgere le autorità sanitarie per risolvere una situazione che, con tutta evidenza, non interessa affatto a chi dovrebbe affrontarla in prima linea, il sindaco di Firenze”. Questa la dichiarazione di Jacopo Cellai, consigliere di PdL-Forza Italia, che ha presentato oggi alla stampa una documentazione fotografica sulla situazione di piazza SS.Annunziata.

“Una situazione che non è cambiata rispetto a due anni fa, quando in città salì l’indignazione per lo stato in cui era stata ridotta la piazza a seguito della pubblicazione su internet di un video – ha notato il consigliere di centrodestra –. Ed anche l’operato, pur lodevole, da parte della Polizia Municipale, non aiuta a risolvere la situazione finché si adottano queste modalità. È dello scorso 10 dicembre l’operazione che la Municipale ha effettuato insieme a Caritas e servizi sociali: risultato, il giorno dopo i rom erano sempre al solito posto, e la ‘routine’ è proseguita come sempre”.
Le foto mostrano i nomadi che utilizzano i cassonetti come improvvisati “guardaroba” per i propri sacchi di vestiti e coperte, i materassi lasciati sotto i loggiati in attesa dell’utilizzo notturno, escrementi umani sotto le abitazioni delle strade e piazze della zona (compresa piazza Brunelleschi dove talvolta i nomadi si spostano), l’immondizia tirata fuori dai cassonetti per “ispezionarla” abbandonata nella piazza. E, di notte, i bivacchi, per i quali in questo periodo viene privilegiato il lato dell’Istituto degli Innocenti, dove i pannelli di un cantiere in corso forniscono riparo da occhi indiscreti.
“Non è più tollerabile assistere inerti a tutto questo – sostiene Cellai –, siamo alle soglie di un allarme igienico-sanitario. Se il Comune non individua soluzioni, chiederemo che lo faccia direttamente la prefettura, e se ancora non basterà, siamo anche pronti a presentare un esposto alla Procura. Oltretutto, l’unico intervento che avrebbe potuto aiutare a risolvere la situazione, la realizzazione dei cassonetti interrati nella piazza, di rinvio in rinvio, è slittata (nella migliore delle ipotesi) al prossimo gennaio”.
“E non ci si venga a dire che noi siamo per lo Stato di Polizia e che per chi ci amministra Firenze è città attenta sul sociale. Permettere a queste persone di deturpare una delle più belle piazze di Firenze, danneggiando pesantemente le attività della zona rivolte ai turisti, e creando un problema di igiene per i residenti e per i bambini che frequentano il vicino asilo e l’Istituto degli Innocenti non è agire sul sociale, è fare assistenzialismo della peggiore specie, non aiutando neppure chi si suppone di assistere, persone che vengono di fatto incoraggiate a proseguire nella loro vita fatta di accattonaggio e degrado. Dopo anni di denunce, siamo determinati a percorrere tutte le strade possibili per risolvere questo problema che colpisce il cuore della città.
E certo non può rassicurarci il fatto che il sindaco Renzi proprio stamattina, mentre noi denunciavamo la situazione di piazza SS. Annunziata, fosse 100 metri più in là per l’inaugurazione di Eataly. Bastava fare pochi passi per venire a vedere l’altra Firenze” ha concluso il consigliere.

9 su 10 da parte di 34 recensori Firenze, SS Annunziata documentazione fotografica sui nomadi che si sono stabiliti nella piazza Firenze, SS Annunziata documentazione fotografica sui nomadi che si sono stabiliti nella piazza ultima modifica: 2013-12-17T17:46:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento