Roma, capire i musulmani in Italia

Aperte le iscrizioni al master su “Musulmani in Italia” presso l’Università telematica UniCusano, un’iniziativa finalizzata a dare una formazione approfondita sulla realtà dell’Islam e, in particolare, sui musulmani in Italia, circa 1,5 milioni su circa 5 milioni di immigrati. Una realtà poco conosciuta con la quale si confrontano decine di migliaia di operatori spesso sprovvisti di una formazione adeguata. Le forze di polizia, soprattutto la polizia penitenziaria, interagiscono quotidianamente con questa realtà, senza però aver avuto nessuna preparazione specifica. Il master e la scuola di perfezionamento vogliono sopperire a questa carenza dando strumenti teorici, ma anche una conoscenza dell’attuale legislazione e delle questioni aperte in tale ambito, a tutti gli operatori di questo settore. Il bando è consultabile sul sito www.unicusano.it e sul sito web appositamente predisposto: www.musulmaniinitalia.it.

MUSULMANI IN ITALIA: L’emigrazione musulmana in Italia, le sue componenti, le questioni aperte, la normativa vigente.

Il Dossier Statistico sull’Immigrazione del 2013, a cura dell’UNAR, reso pubblico lo scorso 13 novembre a Roma, alla presenza del Ministro dell’Integrazione, Cécile Kyenge, conferma il rilievo del fenomeno dell’immigrazione, ancora in crescita nonostante la crisi economica: accanto a 59.685.227 italiani si registra la presenza di 5.186.000 immigrati (dati IDOS, riferiti al 2012)

La presenza di persone e di nuovi cittadini (56.163 nel 2011) di origine straniera è da vent’anni una realtà consolidata, destinata ad accrescersi nei prossimi anni. Una realtà che deve essere affrontata con politiche di Governance  ancora carenti, come ha sottolineato il Ministro Kyenge ed in prospettive di medio-lungo termine. Per favorire l’integrazione degli immigrati nei vari ambiti della realtà italiana, occorre superare anche una serie di pregiudizi e resistenze presenti, come sottolinea il Dossier statistico, soprattutto nei confronti degli immigrati di religione e cultura musulmana,  che rappresentano il 32,9‰ del totale, circa un milione e mezzo di persone.

Essere musulmani significa avere come religione l’Islam, definito come una ortoprassi, una pratica di vita che investe tutti gli ambiti dell’esistenza: dall’abbigliamento all’alimentazione, “dalla culla alla tomba”. Sono parecchie decine di migliaia gli operatori che in Italia interagiscono quotidianamente , negli ambiti più diversi ( scuola , lavoro, ordine pubblico, ospedali, assistenza sociale, polizia penitenziaria, ecc.) con i musulmani presenti nel nostro Paese, senza aver avuto nessuna specifica informazione e formazione su questa realtà.

Il master e la scuola di perfezionamento si rivolgono soprattutto a quanti, in un tempo relativamente breve, anche grazie alla flessibilità della didattica on line e a un corpo insegnante di alto prestigio, vogliono acquisire una conoscenza articolata e non superficiale su aspetti importanti dell’Islam e sulle caratteristiche della presenza musulmana in Italia .  Il master e la scuola di perfezionamento sono essenzialmente finalizzate a fornire strumenti di intelligenza del fenomeno agli operatori (insegnanti, sindacalisti, polizia penitenziaria, assistenti sociali, ecc.) che interagiscono con la realtà rappresentata dai musulmani in Italia.

Tutte le informazioni sono reperibili su www.unicusano.it  e su  www.musulmaniinitalia.it.

Lascia un commento