Roma, arrestata la romena pirata della strada che ha travolto 5 pedoni al Prenestino

In manette il conducente dell’Audi TT che sabato pomeriggio ha travolto cinque persone a una fermata Atac al Prenestino. E’ stato individuato e ha confessato. Si tratta di una romena di venticinque anni. E’ stata posta agli arresti domiciliari. E’ la stessa donna da cui era andato, a Bagni di Tivoli, il giovane italiano che ha denunciato il furto della spider un’ora e mezzo dopo l’incidente di sabato. I due pare avessero una storia da qualche settimana. L’immigrata, che non avrebbe la patente, è stata rintracciata e portata in un ufficio della Municipale.

L’incidente avvenuto in viale Palmiro Togliatti, all’altezza del Quarticciolo, ha causato cinque feriti. Gli uomini del reparto operativo del Gruppo Sicurezza Urbana della Municipale, risolto l’enigma del conducente, vogliono capire quale sia stato il ruolo del figlio del proprietario dell’Audi. L’unica cosa di cui sembrano certi è che il giovane non fosse a bordo.

Da capire perché mai il ragazzo, figlio di un professionista di Sacrofano, avrebbe prestato un’auto così costosa a una persona conosciuta da poco e si sarebbe deciso a coprirla denunciando un furto mai avvenuto.

Il ragazzo è stato denunciato per simulazione di reato. La romena è accusata di lesioni, omissione di soccorso e guida senza patente. Il magistrato, dopo averla fatta sentire dalla Municipale, ha deciso di metterla ai domiciliari. C’è poi il giallo dei passeggeri sull’Audi, un uomo e una donna. Non sono ancora stati rintracciati. Lei, italiana, subito dopo l’incidente è entrata in una pizzeria a taglio di via delle Palme, a Centocelle, dove è stata notata raccontare quanto accaduto.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, arrestata la romena pirata della strada che ha travolto 5 pedoni al Prenestino Roma, arrestata la romena pirata della strada che ha travolto 5 pedoni al Prenestino ultima modifica: 2013-12-10T07:41:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento